L’Abruzzo piange la scomparsa dell’artista dei colori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Scomparso a Pescara ‘l’artista dei colori’. Ha realizzato, in varie città, numerose opere ambientali sia temporanee che stabili, era considerato da tutti un vero e proprio artista urbano. L’Abruzzo intero lo conosceva e ora lo piange.

L’Abruzzo e Pescara in particolare, piangono il loro artista dei colori. E’ morto nel tardo pomeriggio all’ospedale di Pescara, Franco Summa. Avrebbe compiuto 82 anni a luglio. Da qualche mese aveva problemi di salute. Considerato da tutti un vero e proprio artista urbano, dalla metà degli anni Sessanta aveva portato avanti una ricerca artistica incentrata sul rapporto uomo-ambiente, che ha trovato proprio nelle città il suo campo di intervento. I funerali verranno celebrati domani, luned’ 27 gennaio.

Leggi anche -> Morte violenta di Ambra Pregnolato, ci sono volute 24 ore per trovare il colpevole

Nato a Pescara, Summa consegue la Maturità Classica, frequenta la Facoltà di Lettere nell’Università di Roma e si laurea in Lettere Moderne (indirizzo Storia dell’Arte) con una tesi in Estetica. A partire dal 1968 – si legge nella biografia sul suo sito web – ha realizzato, in varie città, numerose opere ambientali sia temporanee che stabili. La sua prima presenza in manifestazioni artistiche significative risale al 1964, con la partecipazione alla mostra Strutture di Visione di Avezzano. A questa sono seguite molte altre mostre sia in Italia che all’estero.