Stephen King sugli Oscar | “premi truccati a favore dei bianchi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:54

Il maestro dell’orrore Stephen King ha chiarito un recente Tweet in cui proclamava la supremazia della qualità intrinseca di un’opera sulla valorizzazione della diversità

Oscar 2020 - Stephen King

Stephen King, chiarendo le sue recenti osservazioni secondo cui giudicare l’eccellenza creativa dovrebbe prescindere dalla diversità, ha scritto sul Washington Post di oggi (28 gennaio) che qualunque progresso sia stato fatto nell’espandere la composizione demografica degli elettori degli Oscar non è “sufficientemente buono“.

Nemmeno lontanamente, è sufficientemente buono“, ha scritto. Il “gioco” dei premi, ha suggerito in seguito, è “truccato a favore delle persone bianche“.

L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences sta cercando – in modo maldestro, troppo lento per l’Era di Apple e Facebook – di apportare modifiche“, ha scritto King, aggiungendo in seguito, “Diamo loro credito per aver cercato di recuperare il ritardo… ma non troppo credito.

Leggi ancheOscar 2020 | lo scarso numero di candidature femminili è un problema?

Delle 9 pellicole nominate per il miglior film quest’anno, la maggioranza – The Irishman, Ford v Ferrari, 1917, Joker e C’era una volta a… Hollywood – sono ciò che i miei figli chiamano ‘fantascienza’. Ci sono combattimenti, armi e molte facce bianche.

Stephen King sugli Oscar | “premi truccati a favore dei bianchi”

L’articolo del Washington Post di Stephen King è stato ispirato dal suo recente commento su Twitter che ora afferma di “aver pensato erroneamente che non si rivelasse controverso“. In quel tweet, l’autore, commentando gli Academy Awards, aveva dichiarato:

Non prenderei mai in considerazione la diversità in materia d’arte. Solo la qualità. Mi sembra che fare diversamente sarebbe sbagliato.

Ho anche detto, in sostanza, che coloro che giudicano l’eccellenza creativa dovrebbero essere ciechi rispetto alle questioni di razza, genere o orientamento sessuale“, ha scritto King oggi.

Non ho detto che fosse questo il caso oggi, perché nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.”

L’autore horror ha descritto il suo “atteggiamento generale” nei confronti dei “giudizi sulla  eccellenza creativa, che dovrebbero essere ciechi. Ma sarebbe il caso di un mondo perfetto, in cui il gioco non è truccato a favore delle persone bianche“.

Il maestro dell’horror contesta il meccanismo degli Oscar

Oscar 2020

Citando un ampio bacino di votazioni e modesti aumenti delle percentuali di elettori di donne e minoranze, Stephen King ha chiesto – e risposto – “Ci sono stati progressi nella comunità cinematografica? Sì Alcuni. Sono abbastanza grande da ricordare quando c’erano solo una manciata di registi afroamericani e l’unica regista donna di Hollywood era Ida Lupino …

Tuttavia, ha scritto che la demo del voto in gran parte bianca e maschile spiega “perché alcuni artisti di talento vengano nominati e alcuni – come Greta Gerwig, che ha diretto la nuova versione sorprendentemente buona di Piccole Donne – non lo siano …

Leggi ancheOscar 2020: tutte le nomination

Il Maestro ha scritto anche che il suo tweet precedente non intendeva suggerire che “film, romanzi, opere teatrali e musica incentrati sulla diversità e / o sulla disuguaglianza non possano essere opere di genio creativo. Possono esserlo e spesso lo sono. La miniserie Netflix del 2019 di Ava DuVernay, When They See Us, sulle convinzioni erronee dei Central Park Five, è uno splendido esempio.

L’eccellenza creativa deriva da ogni orientamento, colore, credo, genere e orientamento sessuale, ed è resa più ricca e audace e più emozionante dalla diversità, ma è definita dall’essere eccellente“, hascritto Stephen King.

Giudicare il lavoro di chiunque, secondo qualsiasi altro standard è offensivo e – peggio ancora – mina quei momenti duramente conquistati in cui l’eccellenza proveniente da una fonte rappresentante della diversità viene premiata (contro, a quanto pare, tutte le probabilità) lasciando tale riconoscimento vulnerabile all’essere respinto come politicamente corretto“.