Fantoni: “nessuno si permetta di infangare mia figlia” | Assassino confessa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:08

Confessa l’omicida di Francesca Fantoni: a incastrarlo una felpa con il sangue della donna trovata nel parco di Bedizzole. La madre di Francesca urla il suo dolore e la sua indignazione.

E’ durato poco il silenzio dell’assassino di Francesca Fantoni. Dopo due giorni, chiuso in carcere a Brescia, ha rotto il silenzio e ha ammesso le sue colpe. Era stato comunque inchiodato dagli investigatori grazie ad una felpa insanguinata della quale Andrea Pavarini non si era disfatto. A farlo crollare, dopo che aveva negato tutto, persino di essere lui l’uomo ripreso dalle telecamere insieme con la a vittima, sarebbe stato un dato fornito dagli inquirenti: il sangue sulla felpa che indossava sabato sera Andrea Pavarini e che è stata trovata a casa dell’uomo fermato corrisponde al profilo genetico di Francesca Fantoni. E’ il risultato delle analisi effettuate e la circosatanza è contenuta nella richiesta di convalida del fermo presentata dalla procura al gip.

Leggi anche -> La Iena Schembri ricorda Loredana Guida: “nel 2020 non si può morire così”

Il Gip di Brescia ha interrogato il 32 enne accusato di omicidio volontario, assistito dall’avvocato Ennio Buffoli. Francesca Fantoni, affetta da un lieve ritardo cognitivo, era molto conosciuta e amata in paese e sabato sera, prima di scomparire, era stata vista in un bar con alcuni amici, trai quali proprio Pavarini. Chi indaga sul delitto è convinto che sia avvenuto tutto dove poi la donna è stata trovata, dietro gli alberi e sotto foglie e fango. Un assassinio che sarebbe stato scatenato dal rifiuto di Francesca Fantoni ad avere un rapporto sessuale con Pavarini. E da questa ipotesi che nasce l’indignazione della famiglia di Francesca. “I due si conoscevano, ma non hanno mai avuto una relazione e mesi fa aveva provato ad avvicinarsi a casa e lo avevano mandato via” –  ha raccontato la madre della vittima. “E nessuno – aggiunge – si permetta di infangare la memoria di mia figlia che era una ragazza ben voluta da tutti”.