Banca Popolare di Bari, arrestati Marco e Gianluca Jacobini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

Padre e figlio, continuavano ad agire pur avendo perso ogni carica. I due Jacobini, infatti, spostavano milioni di euro e controllavano ogni scelta della banca.

jacobini popolare bari

Arriva una nuova svolta nelle indagini per il crac della Banca Popolare di Bari. Il giudice per le indagini preliminari di Bari, Francesco Pellecchia, ha disposto gli arresti domiciliari per Marco e Gianluca Jacobini. Rispettivamente padre e figlio, entrambi avevano un ruolo di spicco all’interno dell’istituto bancario più grande del Mezzogiorno.

Marco Jacobini era il presidente della Banca Popolare di Bari, mentre il figlio Gianluca era il suo numero 2. La richiesta di arresto era pervenuta dal Procuratore aggiunto Roberto Rossi e del sostituto Federico Perrone Capano. Con il padre e il figlio, è stato arrestato anche Elia Circelli, ex responsabile della Funzione bilancio e amministrazione della Direzione operations.

Gianluca Jacobini è finito agli arresti domiciliari – meteoweek.com

Ma i provvedimenti presi stamani per i vertici della Banca Popolare di Bari non finiscono qui. Il gip Pellecchia ha infatti disposto una interdizione dalle funzioni bancarie e dirigenziali della società per Vincenzo Figarola de Bustis. Si tratta dell’ex amministratore delegato della BPdB, che ha perso l’incarico dopo che è iniziato il commissariamento da parte di Bankitalia. Tornando al ruolo giocato dai due Jacobini anche dopo il crac della banca, sono emersi nelle indagini degli elementi a dir poco shockanti.

Marco e Gianluca, infatti, pur avendo perso ogni incarico, continuavano a muovere i fili dell’istituto bancario a proprio piacimento. Un testimone ha infatti svelato che padre e figlio erano riusciti anche a spostare fino a 5 milioni di euro in maniera furtiva e ovviamente illegale. Dalle dichiarazioni giunte agli inquirenti, tra l’altro, si è arrivati ad altre figure che sono finite nel registro degli indagati. Si tratta di Luigi, l’altro figlio di Marco Jacobini, ma anche l’ex amministratore delegato Giorgio Papa, gli ex presidenti del Collegio sindacale Roberto Pirola e Alberto Longo, oltre a Giuseppe Marella, ex Responsabile dell’Internal Audit della banca.