Zucchero, chi è la figlia Irene Fornaciari? Una ragazza nata nel blues

Tra i figli di Zucchero, Irene Fornaciari è l’unica che ha seguito le orme del padre, la più esposta ai riflettori e probabilmente quella che gli somiglia di più: varie partecipazioni a Sanremo, 5 album pubblicati e un passato con attacchi di panico. Conosciamola meglio…

Foto fornita da Vittorio Zunino Celotto/credits Getty Images

 

Una ragazza nata nel blues

Classe 1983, Irene è la secondogenita del noto bluesman emiliano Zucchero, avuta dalla prima moglie, la toscana Angela Figlié: è proprio a lei che Adelmo Fornaciari ha trasmesso la passione per la musica e con la quale ha condiviso in più di un’occasione il palcoscenico, durante alcuni concerti.

D’altronde Irene è nata (la vigilia di Natale ) immersa nella musica, ma quella nera, fatta di sound afro, soul, blues e R&B, il genere che suo padre ha sempre suonato e cantato.

Da piccola infatti le sue “influencer” sono stati i pilastri della black music: Tina Turner e Aretha Franklin su tutte. Ma l’artista alla quale si è sempre ispirata è la  grande Janis Joplin, che Irene cercherà di rievocare, proponendosi con un look simile al suo, anche sul palcoscenico.

LEGGI ——>Marina Occhiena chi è | carriera e vita privata della cantante | Sanremo 2020

Foto fornita da Jacopo Raule/credits Getty Images

L’esordio e il palco dell’ Ariston

Il suo esordio come musicista risale al 1998 quando all’età di 15 anni partecipa alla produzione del disco del padre, “Bluesugar”, duettando con lui nella canzone “Karma, stai calma” e scrivendo insieme a sua sorella Alice, la canzone “Puro Amore”.

Dopo 5 anni Irene comincia ad intraprendere una serie di progetti musicali che danno inizio alla sua carriera, purtroppo non brillantissima come quella del padre, cominciando con la partecipazione al Musical I dieci comandamenti nel ruolo di Myriam e successivamente partecipando come artista apri concerto in qualità di Irene Fornaciari & The Band allo Zu & Co. Tour ai concerti del padre con il quale collabora fino al 2005.

Oggi Irene Fornaciari ha all’attivo quattro album in studio  e una Raccolta e una serie di partecipazioni al Festival di Sanremo: la prima volta nel 2008 nella categoria “Nuove proposte”, con il brano Spiove il sole. Poi nel 2010 insieme ai Nomadi nella categoria Artisti con il brano Il mondo piange e  nel 2011 duetta con Davide Van de Sfroos nel brano con il quale quest’ultimo concorre al festival: Yanez. Tornerà a calcare il palco dell’Ariston ancora nel 2012 e nel 2016.

Gli attacchi di panico e la rinascita con Federico

Da una recente intervista a Gente emerge la sensibilità di Irene Fornaciari: una ragazza fragile che ha sofferto molto la separazione dei suoi genitori e che ha sempre faticato ad accettare i suoi difetti: “Ho sofferto di attacchi di panico. Mi capitava di abbandonare il carrello in mezzo al supermercato e fuggire via. Ne sono uscita grazie alla terapia, alla musica e i consigli di papà, perché anche lui ne è stato vittima. Mi ha aiutato a capire che sono bella così come sono. Sono serena ora. Le crisi di panico sono un eccesso di energia interiore che non si riesce a sfogare, il mio cervello andava in tilt.” 

https://www.instagram.com/p/B7d8J0OIfmQ/?utm_source=ig_web_copy_link

Un momento difficile che la bella cantante sembra aver superato grazie a Federico, anch’egli musicista e con il quale sta da 4 anni: “Con il mio fidanzato non ho vergogna di essere me stessa e mi sono aperta come con nessuno prima. È anche grazie al suo amore se oggi mi sento più libera e solare, se ho accettato in miei difetti e a tirare fuori la mia femminilità.”