Home Cronaca Coronavirus: Sulla nave giapponese 8 passeggeri rischiano la vita

Coronavirus: Sulla nave giapponese 8 passeggeri rischiano la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:07
CONDIVIDI

Sono almeno otto i passeggeri a bordo della nave che versano in gravi condizioni. A renderlo noto è stato il ministero della sanità di Tokyo. Paura per i 35 connazionali bloccati sulla Diamond Princess. Scendono i primi passeggeri.

C’è il rischio di una pandemia sulla nave giapponese Diamond Princess. Almeno otto passeggeri versano in gravi condizioni a causa del coronavirus, e chissà con quante altre persone hanno avuto contatti prima che scoppiasse tutto. A renderlo noto è stato il ministero della sanità di Tokyo, secondo quanto riporta la NHK, il servizio pubblico radiotelevisivo giapponese. C’è paura per i 35 italiani sulla nave. Nel frattempo un primo gruppo di undici passeggeri, tutti oltre gli 80 anni, risultati negativi ai test sanitari, è potuto sbarcare dalla nave.

Leggi anche -> La virologa Capua sicura: “Il coronavirus arriverà in Italia, lavorate a casa”

Gli anziani sono stati trasferiti in alloggi protetti messi a disposizione dal governo e resteranno lì fino alla fine della quarantena, il 19 febbraio. Sono al momento oltre 200 le persone a bordo della Diamond Princess che risultano contagiate dal virus, su 3.700 tra passeggeri e membri dell’equipaggio. Il timore è che nonostante gli sforzi per isolare i malati dalle persone sane il virus sia in grado di circolare all’interno di un ambiente chiuso come quello di una nave. A confermare il terrore è una donna francese: “Malgrado 11 giorni chiusi in cabina, in quarantena con tutte le precauzioni possibili, il coronavirus è arrivato a noi. Mio marito è risultato positivo ed è stato trasferito in un ospedale”. “Non aveva nessun sintomo – ha continuato la donna – i medici mi hanno spiegato che deve essere sottoposto a indagini di approfondimento”. L’uomo, un francese di 80 anni, era in crociera con lei. Il sospetto è che il coronavirus sia riuscito a circolare anche nei canali di areazione. Tra i contagiati ci sono anche 1.500 tra medici e infermieri.