Home Curiosità Santo e Onomastico del 14 febbraio: si festeggia San Valentino

Santo e Onomastico del 14 febbraio: si festeggia San Valentino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00
CONDIVIDI

Il Santo e Onomastico del giorno 14 febbraio è conosciuto soprattutto per la festa degli innamorati, scopriamo qualcosa in più su San Valentino.

E’ solo la festa degli innamorati? Da dove nasce il titolo di San Valentino patrono degli innamorati? Ci sono tantissimi aneddoti che spiegano questo insolito ma importante titolo. Quello più noto, e che sembra abbia maggiori fondamenta storiche, è la vicenda di Sabino e Serapia. Sabino era un centurione romano e Serapia una cristiana. I due giovani si innamorarono l’uno dell’altra, ma le rispettive famiglie impedivano la loro unione.

Leggi anche -> Papa Francesco “Scivolando nel peccato si perde Dio”

Serapia era molto malata e disperato, Sabino andò dal vescovo Valentino chiedendogli di unirlo in matrimonio con la sua amata prima che morisse. Così fu, e quando Serapia morì poco dopo, Sabino la seguì in Cielo. Inoltre, si narra che San Valentino fosse solito donare rose alle coppie che stavano litigando. Egli amava molto quel fiore, e subito gli amanti litigiosi si riappacificavano. Il giorno 14 febbraio il calendario dei santi cristiani ricorda anche la memoria dei Santi Cirillo e Metodio, di San Vitale da Spoleto, di Sant’Alessandra d’Egitto la Reclusa e San Zenone di Roma.

Però non molti conoscono i veri contorni della figura storica di Valentino che fu quella di un fervente servitore di Cristo, che visse una lunga vita nella quale testimoniò con umiltà, fede e carità quale fosse il modo migliore per camminare sempre sui passi di Dio. Valentino visse nei primi secoli della Chiesa, e per questo le notizie che si hanno sulla sua agiografia spesso confondono la veridicità storica con la leggenda. Cio nonostante ciò che emerge è un quadro coerente e completo, che ci restituisce la figura di un santo vescovo che spese la sua intera esistenza al servizio dei più poveri e dei bisognosi. Valentino nacque nel 176 circa a Terni, che a quel tempo si chiamava Interamnia. Era un giovane di buona famiglia che venne subito istruito ai rudimenti del cristianesimo, verso il quale si sentiva naturalmente inclinato. Tanta era la purezza del suo credo che nel 197, quando non aveva che 21 anni, venne consacrato Vescovo di Terni.

Leggi anche -> Papa Francesco ribadisce: “Niente apertura ai preti sposati”

Iniziò così il suo lungo percorso di pastore di anime. La gente amava moltissimo il suo Vescovo, che era mite e di buon cuore. Soprattutto aveva la fama di essere un eccellente taumaturgo: non a caso oggi è ricordato anche come patrono e protettore dei malati di epilessia. Compì molte guarigioni miracolose e per questo era malvisto dagli imperatori romani, i quali lo sospettavano di compiere stregonerie. Quelli erano gli anni delle persecuzioni nei confronti di chi professava il cristianesimo. San Valentino venne imprigionato per la prima volta dall’imperatore Claudio II il Gotico; invece di essere messo a morte però fu rilasciato e lasciato in custodia presso una famiglia nobile. La fama e la popolarità di San Valentino intanto cresceva tra la gente comune, tanto che infine, nel 273, il nuovo imperatore Aureliano decise che il vescovo doveva essere eliminato. Diede ordine ai suoi soldati di portarlo via di notte, fuori dalla città, temendo che altrimenti la gente sarebbe insorta per difenderlo. Il 14 febbraio, secondo la tradizione, SanValentino venne ucciso per decapitazione. Aveva 97 anni. Sul luogo in cui San Valentino venne sepolto sorse una basilica, che fu interamente ricostruita nel XVII secolo e che si trova lungo la via Flaminia. Nel 1799 il corpo fu composto in un’urna di vetro oggi visibile a tutti coloro che si recano in pellegrinaggio a Terni per invocarne la protezione.