Home Gossip Coronavirus, Eros Ramazzotti attacca il Governo italiano: “Sono sconcertato”

Coronavirus, Eros Ramazzotti attacca il Governo italiano: “Sono sconcertato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:18
CONDIVIDI

Eros Ramazzotti, nonostante i suoi numerosi impegni, ha trovato anche il tempo di criticare aspramente, tramite un post pubblicato sul suo profilo ufficiale di Instagram, il Governo Italiano e le nostre istituzioni, in particolare i nostri politici, dandogli – tra le righe – degli “incompetenti” o, comunque, degli incapaci nel saper gestire l’allarme del Coronavirus. Ciò che ha fatto – come si suol dire – venire i “cinque minuti” al cantante romano, dotato di un carattere forte e determinato e particolarmente schietto, è il sentimento di eccessivo allarmismo che lo Stato, attraverso i media di vario genere, ha fatto insinuare nelle menti, nei cuori e nelle anime degli italiani, non solo nel Nord Italia.

Photo by Miquel Benitez/ Getty Images

 

Sì alle precauzioni ma non al panico!

Quello che ha voluto dire in poche righe l'”Eros nazionale” è non di fregarsene bellamente dell’epidemia e di non rispettare i malati e i contagiati, oltre che i loro cari e le loro famiglie, ma, pur prendendo le giuste precauzioni del caso, non farsi prendere da attacchi di panico e di non rovinarsi la vita, evitando non solo d uscire di casa ma anche evitando di incontrare e vedere altre persone, negandosi ogni forma di socialità. Un aspetto che può nuocere gravemente alla salute, sia fisica che psicologica dell’essere umano di ogni età, visto che le due sfere sono strettamente collegate e connesse, come scientificamente provato da tempo.

LEGGI ANCHE: Eros Ramazzotti torna in periferia | Il gesto memorabile per il cantante

Photo by Johannes Simon/Getty Images

 

Eros Ramazzotti è sconcertato 

Fortemente sconcertato dalla situazione, che però lui vive a distanza, dal momento che si trova da circa un mese per motivi lavorativi in America: dunque, non vivendo direttamente sulla sua pelle la situazione attuale che vige tristemente nella nostra Penisola, può essere veramente oggettivo? Che Eros ami profondamente il suo Paese, che lui definisce “eccezionale e bellissimo”, ne siamo certi, ma lui ora, quel suo “amatissimo Paese”, non lo sta vivendo pienamente: come si fa dunque a parlare di qualcosa che non si conosce da vicino?

View this post on Instagram

Ho letto e sto vedendo quello che sta succedendo in Italia( un paese eccezionale e bellissimo) e sono sconcertato. Mi trovo in America da 1 mese e da qui l’impressione è di un paese allo sbando, di gente che si evita come se ci fosse la peste, di ignoranza totale, di cattiveria e razzismo galoppante. Sono veramente scioccato da tutto ciò ma soprattutto da uno stato che non sa gestire una situazione così, che non aiuta il cittadino a capire cosa veramente sta succedendo. . Dobbiamo essere uniti, veri, disponibili e aiutarci l’uno con l’altro perché è l’unico rimedio. Nessuno ci può aiutare più del nostro essere civili e rispettosi con noi stessi. Forza, non abbattiamoci e si troverà una soluzione, ne sono certo🇮🇹 ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO Eros

A post shared by Eros Ramazzotti (@ramazzotti_eros) on

Un messaggio di solidarietà e di civiltà

Ma, al di là della sua opinione, assolutamente rispettabile, ciò che è importante è il messaggio che l’artista ha voluto lanciare, non solo ai suoi estimatori ma a tutto il popolo italiano, ovvero quello di rimanere uniti e di cercare di aiutarci, secondo le nostre reali possibilità e capacità, tra di noi, rimanendo delle persone civili! Un messaggio dunque ricco di solidarietà, di bontà e di civiltà, che non può che farci riflettere. Bravo Eros!