Alien | Guy Pearce e le sue difficoltà sul set dell’ultimo capitolo della saga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49

Guy Pearce è famoso per la sua interpretazione di un personaggio piuttosto iconico e malvagio, come in Prometeo il tanto teuto Peter Wayland.

Chi è un appassionato di mitologia aliena sa che è un personaggio piuttosto importante. Il film in questione non era collegato ai film originali da cui è ispirato, cosa che invece è successa nel sequel Alien:Covenant.

Guy Pearce in Alien

Anche Guy Pearce è tornato in quel film per poter interpretare la versione più giovane del personaggio. Come ha dichiarato in un’intervista, non è stato poi così tanto facile riuscire a portare avanti il progetto e che questo ha comportato delle difficoltà non indifferenti.

È molto bello far parte del mondo alieno. È anche bello interpretare Peter Weyland – intendo il tipo che ha creato tutto. Non è stato così bello dover indossare cinque ore di trucco protesico. Mi sarei alzato alle 2 del mattino, sarei andato al lavoro e avrei iniziato a truccarmi alle 3 del mattino e avrei iniziato a lavorare alle 8. Potevano filmare fino alle 2 del pomeriggio e poi ero stremato.

Ho girato solo circa 15 o 17 giorni o qualcosa del genere. La cosa difficile di quel personaggio era che dovevo indossare anche una specie di esoscheletro di metallo, il che significava che non potevo sedermi correttamente. C’è stato un giorno in cui sono entrato, ho fatto tutto il trucco, sono arrivato nella mia stanza e hanno detto “Stiamo solo correndo un po’ indietro stamattina.

Ho detto “OK”. Bene, è passata un’ora e un’altra ora…all’una circa hanno detto: “Quindi, dipende da te. Probabilmente puoi toglierti tutto questo o potremmo arrivare a te. A questo punto ero atrofizzato sul posto. Non penso di aver girato quel giorno.