Home Cinema Coronavirus | in Cina chiudono nuovamente tutti i cinema

Coronavirus | in Cina chiudono nuovamente tutti i cinema

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59
CONDIVIDI

La Cina ha deciso di chiudere nuovamente tutti i cinema, recentemente riaperti dopo i dati incoraggianti sui nuovi contagiati, temendo una seconda ondata. Solo una settimana fa oltre 600 sale in tutto il Paese avevano ottenuto il permesso di riaprire. 

Il dietrofront della Cina arriva dopo pochissime ore. I cinema del Paese devono chiudere, di nuovo. Si teme infatti una seconda ondata di contagiati da nuovo Coronavirus e, in via precauzionale, si è deciso di attendere e di rimandare ulteriormente la riapertura delle sale.

Coronavirus | Cina richiude i cinema

A riportare la notizia è stato l’affidabile The Hollywood Reporter. Il Film Bureau di Pechino ha infatti emesso un nuovo avviso nelle ultime ore in cui ordina a tutti i cinema del Paese di chiudere nuovamente, dopo aver concesso la possibilità di riaprire solo la settimana scorsa. L’ordine arriva senza alcuna spiegazione ulteriore, ma è evidente che il Governo centrale tema adesso, con l’emergenza sanitaria che esplode in Europa e Nord America, che il contagio possa nuovamente estendersi anche alla Cina.

Una seconda ondata?

La riapertura graduale degli oltre 70.000 cinema attualmente presenti in Cina era stata vista come un primo passo per il ritorno alla normalità del Paese colpito prima degli altri dall’emergenza, ma la decisione annunciata poco fa rimette tutto in discussione. La lotta della Cina sarà probabilmente ancora lunga e ci vorrà del tempo prima che si possa tornare, davvero, alla normalità (se questa parola avrà ancora un senso).

Leggi tutte le ultime notizie sul Coronavirus -> CLICCA QUI

Chiusura a tempo indeterminato

Parlando con The Hollywood Reporter, il dirigente di una compagnia di distribuzione cinematografica, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha affermato: “Questa seconda chiusura non sarà un problema di una o due settimane. Quando decideranno di riaprire, la prossima volta, saranno ancora più cauti, per questo i tempi saranno inevitabilmente lunghi”.