Messiah | La serie cancellata dopo la prima stagione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:15

Netflix ha deciso di non rinnovare il dramma provocatorio Messiah per una seconda stagione. Il co-protagonista Wil Traval della serie ha rivelato la notizia su Instagram.

“Oggi è un giorno molto triste” ha scritto l’attore. “Ho appena ricevuto la notizia da Netflix che non ci sarà la seconda stagione di Messiah, quindi volevo dire a tutti i fan grazie per il vostro supporto e amore. Vorrei che le cose fossero diverse”.

Messiah si ferma con la prima stagione

Creata da Michael Petroni e prodotta da Mark Burnett e Roma Downey, Messiah ha esplorato i confini tra religione, fede e politica. Quando un ufficiale della CIA indaga su un uomo – indicato da alcuni come Al-Masih (Mehdi Dehbi) – attirando l’attenzione e seguaci internazionali attraverso atti di sconvolgimento pubblico, intraprende una missione globale e di alto livello per scoprire se egli è un’entità divina o un ingannevole truffatore.

Leggi anche -> Netflix | tutti i film e le serie tv in arrivo ad aprile sulla piattaforma streaming

Messiah in crisi per il coronavirus

Messiah, che presenta un grande cast internazionale ed è girato in diverse località in tutto il mondo, è il tipo di produzione che sarebbe estremamente difficile da realizzare in un momento in cui la maggior parte del mondo è presa dalla pandemia globale di coronavirus.

La serie tv ha affrontato alcune controversie. Il trailer di Messiah ha scatenato un contraccolpo sul nome di Al-Masih, aprendo una petizione su change.org per sollecitare un boicottaggio della serie, che non ha ricevuto un ampio sostegno. Anche realizzare alcune riprese sul sacro Monte del Tempio di Gerusalemme ha suscitato alcune polemiche.

Messiah in Medio Oriente

Quindi, prima che Messiah debutasse su Netflix in tutto il mondo, la Royal Film Commission of Jordan ha chiesto che non fosse proiettato nei paesi prevalentemente musulmani.

Messiah è un’opera di finzione” ha detto un portavoce di Netflix in una dichiarazione a Deadline in quel momento. E’ stato parzialmente girato nel Regno Unito, e la RFC aveva rivisto le sinossi degli episodi della serie prima di approvare le riprese e concedere il credito d’imposta dello spettacolo. Il cast della serie includeva anche Tomer Sisley, Michelle Monaghan, John Ortiz, Melinda Page Hamilton, Stefania LaVie Owen,
Jane Adams, Sayyid El Alami e Fares Landoulsi.