Stasera in tv | 1 aprile | Mine Vaganti, la commedia dolce amara di Özpetek

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:21

Mercoledì 1 aprile alle ore 21.20 su Rai Movie andrà in onda il melodramma Mine Vaganti diretto da Ferzan Özpetek con Riccardo Scamarcio, Alessandro Preziosi e Lunetta Savino. 

Per il ciclo “Orgoglio italiano – Tutto il meglio del nostro cinema” mercoledì 1° aprile, alle 21.20 Rai Movie  propone Mine Vaganti, l’amatissimo film corale del regista Ferzan Özpetek ambientato nella lucente terra salentina. Un altro capolavoro del regista italo turco considerato l’ultimo esponente del melodramma in Italia.

Mine Vaganti | la trama del film

Vincenzo e Stefania attendono il ritorno del figlio Tommaso coltivando il desiderio di una sua ascesa alla gestione del pastificio di famiglia. Anche il resto della famiglia lo attende entusiasta, ma i progetti del giovane sono diversi da quelli immaginati da genitori e parenti.

Riccardo Scamarcio, Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Elena Sofia Ricci, Ilaria Occhini, Lunetta Savino, Ennio Fantastichini, Carolina Crescentini e Daniele Pecci sono i volti di un film pieno di ironia, calore e comicità. Memorabile, come in tutti i film del regista, la colonna sonora che include brani di Patty Pravo, Nina Zilli e Pink Martini.

Mine Vaganti | il trailer del film

Leggi anche: Guida tv | Tutti i programmi tv del 21 Marzo 2020

Mine Vaganti | alcune curiosità sul film

È stato realizzando un adattamento teatrale con lo stesso nome del film, curato nella regia sempre da Ferzan Özpetek e con un cast eccezionale. A partire da Francesco Pannofino, Caterina Vertova, Paola MinaccioniGiorgio Marchesi. Già dalle prime repliche ha registrato il tutto esaurito in tutti i teatri italiani.
Lo spettacolo che doveva andare in scena a Salerno lo scorso 5 marzo è stato rimandato a causa del coronavirus, dopo l’ordinanza del governo di chiudere cinema e teatri.

Perché vederlo: Un film perfetto in tutto. Dalla sceneggiatura, al cast, ai meravigliosi paesaggi del Salento, coordinati in maniera impeccabile dalla regia del Maestro Ferzan Özpetek, turco di origine ma dal cuore profondamente italiano.