Home Cronaca Dalla Turchia le cellule staminali per un trapianto a un bambino a...

Dalla Turchia le cellule staminali per un trapianto a un bambino a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:08
CONDIVIDI

Il volo del Trentunesimo Stormo dell’Aeronautica Militare è atterrato a Ciampino. Le ambasciate di Turchia e Italia hanno lavorato alla spedizione. Ne beneficerà un bambino di 2 anni.

cellule staminali turchia

Le ambasciate di Italia e Turchia hanno lavorato in coppia per un fine piuttosto nobile. A beneficiarne sarà una giovanissima vita, che potrà avere le cose un po’ meno difficili. Stiamo parlando di un trapianto di cellule staminali, che potrà avvenire nelle prossime ore. E queste cellule staminali sono arrivate proprio dalla Turchia. A consentire questo arrivo, dal punto di vista pratico, è stato il Trentunesimo Stormo dell’Aeronautica Militare. Con un proprio volo, gli specialisti dell’aria del nostro Paese hanno fatto arrivare le cellule staminali.

A donarle è stato un uomo turco, che ha consentito il prelievo delle cellule in favore del bimbo di appena due anni. Si tratta di cellule staminali emopoietiche. Il bambino è in attesa di un trapianto da diversi giorni, dopo che è stato disposto il ricovero presso l’ospedale Bambino Gesù della Capitale. Per la prima volta, come fa sapere il nosocomio in un comunicato congiunto con il Centro Nazionale Trapianti, si ricorre a velivoli dell’Aeronautica Militare per questo genere di trasporti.

Leggi anche -> Coronavirus, Palermo: boom domande per assistenza alimentare, 4 al minuto

Leggi anche -> Foggia, in casa per scampare al Coronavirus. Muore sotto le macerie

Decisivo anche l’apporto dell’ambasciata italiana in Turchia – meteoweek.com

Il comunicato ha svelato nei dettagli ciò che accadrà dopo l’atterraggio del velivolo. “Un lavoro di squadra e di rete che ha visto come protagonisti anche il Centro Nazionale Trapianti, il Registro Italiano IBMDR, l’Ambasciata Italiana in Turchia, l’Ambasciata Turca in Italia oltre all’ospedale Bambino Gesù. Le cellule staminali emopoietiche sono destinate ad un bimbo di 2 anni affetto da Linfoistiocitosi Emofagocitica primaria (HLH) e ricoverato in attesa di trapianto all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, presso il Dipartimento di onco-ematologia e terapia cellulare e genica“.

L’aereo è atterrato presso l’aeroporto romano di Ciampino nella serata di ieri. Non vi erano altre alternative sul piano logistico e del trasporto. Per questo motivo, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha autorizzato la partenza del velivolo del Trentunesimo Storto. A bordo di esso era presente anche un operatore dell’unità di manipolazione cellulare del Bambino Gesù. Lo specialista ha preso in custodia le cellule staminali che si riveleranno necessarie per effettuare il trapianto in Italia.

Si tratta della 99esima donazione di cellule staminali emopoietiche finalizzate al trapianto, che sono state gestite dal Registro IBMDR e dalla Rete nazionale trapianti. Tra queste, 80 sono arrivato dall’estero. Nel frattempo, sono previste altre 35 donazioni nelle prossime settimane.