Home Cronaca Coronavirus l’incubo sembra non arrestarsi: tendenze ancora confermate ecco tutti i dettagli

Coronavirus l’incubo sembra non arrestarsi: tendenze ancora confermate ecco tutti i dettagli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:23
CONDIVIDI

Il dato che spaventa di più è quello del numero di contagiati che sarebbe quasi raddoppiato al numero delle persone riscontrate positive nella giornata di ieri.

I dati

Spicca il gran numero di tamponi effettuati sulla popolazione, oltre 38mila, il che significa se non altro la certezza in un senso o nell’altro di dover procedere all’isolamento e alla profilassi per tutta la propria famiglia.

Ma quello che spaventa è soprattutto il numero dei contagiati riscontrati nelle ultime 24 ore: si parla di 2.339 nuovi malati che portano il totale delle persone malate a oltre 119mila contagiati, 19.758 guariti (1480 nelle ultime ventiquattro ore). I decessi sono stati 766, sei in più rispetto a ieri: l’Italia piange 14.681 vittime.

LEGGI ANCHE > USA in crisi, disoccupazione mai così in alto

LEGGI ANCHE > La Spagna ha superato anche l’Italia per numero di contagi

Quadro drammaticamente stabile

Il numero di guariti sostanzialmente non varia, così come non varia di molto quello dei nuovi contagi che continua a oscillare tra i 2.100 e i 2.400. Impossibile pensare che i dati degli ultimi tre giorni possano rappresentare un trend perché di fatto il trend non c’è. E’ tutto molto stabile con qualche numero appena un po’ più positivo e altri, purtroppo, molto preoccupanti.

Il picco è lontano

Da settimane si parla di picco come se fosse la fine del tunnel e ogni giorno si spiano i dati nella speranza di pensare che questo picco sia ormai stato raggiunto e scavallato. Ma non è così.

E’ vero che le terapie intensive stanno gradualmente flettendosi ma questo non corrisponde al gran numero di nuovi pazienti che continuano a presentare i sintomi e risultare positivi.

Al momento l’unica data certa è quella della scadenza dell’attuale decreto: Per la fase 2 al momento c’è una sola data, quella del 13 aprile, così come annunciato dal presidente del Consiglio” – spiega Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile – alcune mie parole sono state equivocate. Ho solo detto che le misure sono determinate in base all’evoluzione della situazione in atto, perché quello che stiamo fronteggiando è un virus nuovo e non possiamo fare previsioni. Mi dispiace che il mio ragionamento sia stato trasformato in un titolo”.

Abituarsi alle mascherine

A questo punto le mascherine potrebbero diventare uno strumento che dovrà essere usato sempre, da tutti, tutti i giorni: “È uno scenario possibile – ha detto Borrelli – io come vedete non la porto ma indossare la mascherina è un aiuto ma soprattutto una buona abitudine. Gli esperti della parte tecnico-scientifica ci diranno quali saranno le modalità operative della ripresa. Sicuramente le mascherine servono, ma servono soprattutto i comportamenti responsabili. Le mascherine sono ancora un problema, non per i sanitari perché in queste settimane stanno arrivando carichi importanti dall’estero”.

LEGGI ANCHE > Di Maio “L’UE deva starci a sentire, 14mila morti non sono una colpa”

LEGGI  ANCHE > Ancora una scossa di terremoto sulle coste calabresi

Coronavirus, Pavia: 100 decessi in un mese nelle case di riposo
Coronavirus, Pavia: 100 decessi in un mese nelle case di riposo (GettyImages)

Ma l’Italia le mascherine non le produce

La domanda di mascherine è cresciuta in modo esagerato: “Credo che la domanda sia cresciuta di 20-30 volte, siamo arrivati a 100 milioni di mascherine al mese come fabbisogno del sistema sanitario – dice Borrelli – tutto questo con una realtà nazionale che non aveva la capacità produttiva, le mascherine in Italia non si producecano, ha mandato tutto in tilt. A questo sta lavorando il commissario Arcuri, continuando nella ricerca dell’importazione di mascherine dall’estero, soprattutto sulla base di on accordi bilaterali realizzati con la Cina”.