Povia interpreta “Bella ciao” : “Il nuovo Hitler è a Bruxelles”

Mentre l’Italia festeggia la Festa della Liberazione, Povia presenta un nuovo “singolo” destinato a creare numerose polemiche: “Il nuovo Hitler è a Bruxelles” è una versione alquanto particolare di “Bella Ciao”.

Bella Ciao di Povia

Il 25 aprile di 75 anni fa, i partigiani e le truppe della resistenza riuscirono a liberare l’Italia dalle forze fasciste e naziste. Da lì cominciò una nuova Storia per l’Italia e il ricordo di quel giorno si rinnova ogni anno in questo giorno.

In questo momento così difficile per l’Italia e per gli italiani si spera in un nuovo inizio: l’incubo Coronavirus rischia di mettere in ginocchio l’economia del Paese e a breve si comincerà con la riapertura delle attività e la Fase 2.

Povia rivisita Bella Ciao, il brano simbolo del 25 aprile

In questo clima c’è chi, come Povia, ha voluto usare questo 25 aprile non per ricordare il passato, ma per lanciare un polemico messaggio sul presente.

Imbracciata la sua chitarra, ha deciso di reinterpretare Bella Ciao, la celebre canzone partigiana. Il brano, simbolo della resistenza italiana, è famoso in tutto il mondo come inno alla forza e alla volontà. Un brano diventato famoso anche fuori dai confini nazionali grazie alla scelta di utilizzarlo come colonna sonora de “La Casa di Carta”, la serie tv di successo di Netflix.

LEGGI ANCHE ——-> Milly Carlucci, conoscete il marito? Ecco chi è il famoso ingegnere [FOTO]

LEGGI ANCHE ——-> Francesca Tocca e Raimondo Todaro in crisi? | Colpa di un ballerino di Amici

Dittatura e controllo tedesco: le opinioni politiche di Povia

Povia ha voluto riadattare il testo di Bella Ciao utilizzando la canzone come veicolo per le sue opinioni politiche. Il cantante italiano ha sottolineato come l’Italia non si sia liberata dalla dittatura e ha anche parlato del controllo di un nuovo dittatore tedesco.

La nuova versione di Bella Ciao, infatti, pare intitolarsi “Il nuovo Hitler è a Bruxelles” e recita così: “Italia ciao, non vedi che l’invasore è ancora qui, è un nuovo Hitler con giacca e cravatta che ti bastona da Bruxelles!”. Il video è già arrivato ad oltre 1 milione di visualizzazioni in poche ore con commenti negativi e positivi.