Coronavirus, l’Olanda pensa ai single: “Trovate un compagno di letto”

Mentre in Italia c’è da qualche giorno la disputa sui congiunti, in Olanda l’Istituto di Sanità invita i single a “trovare una persona nella vostra stessa situazione”.

coronavirus olanda

Il Coronavirus ha provocato tante conseguenze, che vanno al di là dell’emergenza sanitaria in atto in tutto il mondo. Una di quelle più complicate da gestire è quella relativa allo stato affettivo delle persone. In particolare quelle che, a causa del lockdown, non hanno potuto mantenere il contatto visivo con gli amici e con il proprio partner. Per questo motivo, in Olanda si è pensato di dare il via libera alle uscite per conoscere una persona con cui condividere momenti di intimità. Un vero e proprio compagno di letto o anche solo per scambiarsi qualche coccola e cancellare la tristezza dei giorni passati.

La proposta è partita dall’Istituto di Sanità che opera in Olanda. I vertici hanno reso noto un vero e proprio vademecum, comparso proprio sul sito dell’istituto. Qui sono presenti alcune linee guida e consigli ad hoc per superare il momento di malessere affettivo e trovare una persona con cui condividere momenti intimi. Il tutto, ovviamente, cercando il più possibile di mantenere la distanza sociale in modo da non mettere a repentaglio la propria salute. Ma questa è senza dubbio una soluzione che farà riflettere, oltre a rendere ancora una volta chiaro l’atteggiamento “libertino” che vige in Olanda.

Leggi anche -> Le autopsie decisive contro i pareri del ministero: «Così abbiamo scoperto come uccide il coronavirus»

Leggi anche -> Governo e Regioni trovano l’accordo: ecco cosa riapre il 18 maggio

Nei ristoranti spazio a barriere in plexiglass o visiere protettive – meteoweek.com

D’altronde, lo scorso 23 marzo nel Paese è stato dato il via libera a quello che è stato definito “confinamento intelligente”. Il governo olandese ha deciso di affidarsi soprattutto alla prudenza e al buon senso dei cittadini, rendendo meno intensi i controlli da parte delle forze dell’ordine. È possibile ricevere in casa fino a un massimo di tre persone, a prescindere dal grado di parentela, pur mantenendo la distanza di almeno un metro e mezzo. Ma nelle ultime ore è stata data voce anche alle richieste dei single, ai quali è stato concesso di abbattere questa distanza nella speranza di conoscere qualcuno.

Leggi anche -> Coronavirus, anche parlando c’è il rischio di contagiare

L’istituto di sanità olandese, tra le righe della propria guida, spiega anche come fare per trovare un “accordo” tra persone single. “Discutete insieme il da farsi – si legge – . Ad esempio, è possibile incontrare la stessa persona per avere contatti fisici o sessuali, ma solo se non siete contagiati. Trovate un accordo con questa persona sul numero di persone che potrete vedere, ognuno per conto proprio. Ovviamente il rischio di contagio aumenta in maniera direttamente proporzionale al numero di persone incontrate”.