In Giappone riaprono le sale cinematografiche con E.T. e Il mago di Oz

Mentre ci avviciniamo anche in Italia alla riapertura delle sale cinematografiche, in Giappone si pensa di riproporre titoli intramontabili com E.T. e Il mago di Oz.

Dopo aver avuto conferma che le sale cinematografiche italiane riapriranno i battenti il 15 giugno, in Giappone si sta pensando a quali saranno i primi titoli da presentare sul grande schermo, dal momento che tutte le nuove produzioni sono state sospese dalla pandemia di Covid-19.

Il Giappone è il terzo mercato cinematografico più grande al mondo

Il Giappone rappresenta il terzo mercato cinematografico più grande al mondo, e la notizia che le sale starebbero riaprendo in maniera graduale ha sollevato interrogativi circa le proposte da offrire al pubblico. Seguendo quindi l’esempio della vicina Cina, sembra si stia pensando di recuperare le grandi opere che hanno segnato la storia della settima arte.

Leggi anche: UCI Cinemas | Alcune multisala marchigiane rischiano la chiusura definitiva

Leggi anche: Cinema | ecco quali sono le linee guida per la riapertura delle sale

Ovviamente si potrebbe così andare sul sicuro, potendo contare su film ai quali la maggior parte degli amanti del cinema sono  ancora legati, e che probabilmnete non hanno neanche mai avuto la possibilità di vedere sul grande schermo.

Stiamo parlando per esempio di E.T. – L’extraterrestre, La valle dell’Eden, Ben-Hur, Il mago di Oz, Blade Runner, Gangster story, West Side Story, Le ali della libertàGiusto per citarne alcuni.

In Giappone già riaperti più di 60 cinema

Dopo l’annuncio della riapertura di alcune sale appartenenti alla catena di cinema Toho Cinemas, la più grande in Giappone, anche la Aeon Cinemas aveva fatto altrettanto con le sue multisala, per cui si contano più di 60 cinema già aperti in alcune delle prefetture meno toccate dal virus.

Leggi qui altre notizie di cinema -> CLICCA QUI

Shinzo Abe, primo ministro giapponese, ha chiesto di annullare lo stato di emergenza per 34 prefetture, ma città come Tokyo e Osaka mantengono invece il periodo di quarantena.