Giffoni Film Festival | rivoluzione in vista per resistere al Coronavirus

La 50esima edizione del Giffoni Film Festival si sarebbe dovuta svolgere dal 16 al 25 luglio. Il direttore e ideatore Claudio Gubitosi ha deciso di rimandare la manifestazione, ma non di annullarla.

Il Giffoni Film Festival non viene annullato a causa dell’emergenza Coronavirus, ma rivoluzionato e rimandato di un mese. Ad annunciarlo è il direttore e ideatore Claudio Gubitosi.

Il Giffoni Film Festival si rivoluziona

Il Giffoni Film Festival, che da quest’anno abbandona il termine Experience e comincia a parlare di Opportunity, ha pensato di farsi letteralmente “in quattro”, promuovendo quattro diversi momenti dedicati al cinema per ragazzi, in programma da agosto a dicembre 2020. Si tratterà quindi del primo evento cinematografico che si svolgerà in presenza, in attesa del Festival di Venezia a settembre.

Leggi anche -> Fase 2 | Giuseppe Conte annuncia la data di riapertura di cinema e teatri

Il calendario

Dal 18 al 22 agosto potranno partecipare i giurati tra i 16 e i18 anni e a una parte degli iscritti della Masterclass denominata Impact (al momento solo giurati campani). Gli ospiti italiani dove possibile parteciperanno in presenza, altrimenti in collegamento streaming. Gli internazionali saranno invece disponibili esclusivamente in streaming. Il secondo momento del festival, dal 25 al 29 agosto, sarà invece dedicato ai giurati +13 e ai Masteclassers delle sezioni Cinema, Musica e, ancora, Impact. La terza sezione del festival, da settembre a novembre, coinciderà con l’apertura delle scuole e consisterà in un calendario di appuntamenti tra scuole, università e istituzioni. Da una parte un tour del Festival in 23 città campane (che poi da gennaio a maggio 2021 toccherà anche 53 città in tutta Italia), dall’altra la seconda edizione di School Experience, progetto in collaborazione con il MIUR, destinato a circa 10.000 studenti in 3 regioni italiane. La quarta e ultima sezione, prevista dal 26 al 30 dicembre, riguarderà invece una festa natalizia per i più piccoli e per le loro famiglie (se le condizioni epidemiologiche lo permetteranno).

Le norme di sicurezza

Il direttore ha accennato alla possibilità di effettuare tamponi ai giurati prima dell’inizio delle varie attività (quanti e quando al momento non è dato saperlo). Previsti inoltre percorsi dedicati, controlli da parte di personale sanitario all’ingresso con misurazione della temperatura di tutti quelli che saranno ammessi nelle aree del Festival, obbligo di mascherina per tutti e distribuzione di dispositivi di protezione individuale, nonché attività di controllo sul mantenimento delle distanze con personale specializzato.