Movida in piazza, residenti furiosi: abbiamo trascorso una notte infernale

Movida in piazza, residenti furiosi: abbiamo trascorso una notte infernale. Tra l’altro, senza rispetto di distanziamenti e mascherine

Movida in piazza, residenti furiosi: abbiamo trascorso una notte infernale
Movida in piazza, residenti furiosi: abbiamo trascorso una notte infernale

Sono furiosi i residenti di Piazza dei Signori a Padova, dove nella notte la movida ha disturbato il loro riposo tra schiamazzi, urla e quant’altro. “Abbiamo trascorso una notte infernale”, dicono, “Alle 3,30 abbiamo chiesto l’intervento delle Forze dell’ordine. Piazza dei Signori era ancora affollata di giovani che schiamazzavano, urlavano, sentivano musica e bevevano. Una situazione che non ci permette nemmeno il diritto al riposo. La calma è tornata intorno alle 4 ma poco dopo è iniziato il lavoro degli ambulanti”. Tra l’altro, da quanto è emerso le misure anti Covid non sono state rispettate, soprattutto quelle di distanziamento e dell’indossare mascherine.

A quanto pare, il problema è molto serio, tant’è che il presidente dell’associazione “Residenti Centro Storico”, Antonia Dalla Costa, ribadisce come la vigilanza privata nei locali non abbia sortito effetto. Vigilanza, formata da 4 persone quando una piazza contiene 1600 sedie…senza contare i clienti che consumano in piedi.

Leggi anche:—>De Luca: lombardi possono venire a Positano dal 4 giugno

Leggi anche:—->Precipita da una scogliera: morto escursionista in Sardegna

L’associazione chiede che i bar tornino a chiudere a mezzanotte facendo rientrare sedie e tavolini. Il sindaco di Padova, Sergio Giordani, ha tuttavia commentato che la città sta tornando a vivere e che “l’amministrazione abbia sempre raccomandato prudenza, facendo una massiccia campagna di informazione sulle norme da seguire e, soprattutto, sull’uso delle mascherine. Ritengo inoltre condivisibile la gioia di tornare a vivere anche se serve la responsabilità individuale“. Inoltre il sindaco spiega che per i “locali delle piazze, grazie alla mediazione dell’assessore Bressa, è stata ottenuta la collaborazione dei baristi che hanno provveduto al supporto di professionisti della sicurezza“. In breve, il sindaco assicura che le istituzioni continueranno a fare il massimo per garantire sicurezza.