Eurispes, 59,5% italiani favorevole a matrimoni gay e solo 42% ad adozioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Eurispes, 59,5% italiani favorevole a matrimoni gay e solo 42% ad adozioni. Si tratta di una ricerca sui principali temi etici

Eurispes, 59,5% italiani favorevole a matrimoni gay e solo 42% ad adozioni
Eurispes, 59,5% italiani favorevole a matrimoni gay e solo 42% ad adozioni (GettyImages)

Una ricerca condotta dall’Eurispes mostra i cambiamenti di opinione degli italiani sui temi etici nel corso del tempo, cogliendone i mutamenti culturali. Secondo il sondaggio eseguito su un campione di cittadini italiani dai 18 anni in su, il 63,1% delle donne intervistate si dice favorevole alla possibilità di sposarsi tra persone dello stesso sesso. Percentuale maschile è nettamente inferiore con il 55,8%. Il 55,1% delle donne e il 61% degli uomini sono contrari alle adozioni per coppie omosessuali. Dicono invece sì ai matrimoni gay il 77,1% dei giovani tra 18-24 anni, il 70,1% dei 25-34enni, il 66,2% dei 35-44enni, il 55,7% dei 45-64enni e il 45,3% degli ultra 64enni.

Leggi anche:—>Bimba scende dall’auto della madre e cammina sulla carreggiata

Leggi anche:—>Ritorno a scuola a settembre: ecco quali sono i nodi da sciogliere

Nel 2029 il 47,8% si è detto favorevole a legalizzare droghe leggere contro il 52,2% dei no. Tuttavia c’è un aumento dei pareri positivi in merito di quasi 4 punti rispetto al 2019.

Per ciò che concerne invece l’eutanasia, cresce il numero di persone favorevoli alla cosiddetta “buona morte” tramite somministrazione diretta di una medicina letale al malato. Il 75,2% degli italiani si è detto favorevole a tale pratica. Nel 2020, il 73,8% dei cittadini è inoltre favorevole al testamento biologico, legge che consente di redigere in anticipo un documento con valore legale in cui si stabilisce a quali esami, terapie o singoli trattamenti sanitari dare il propri consenso o meno, in caso di futura incapacità di scegliere o comunicare. Sul suicidio assistito, invece, gli italiano sono contrari per la maggior parte col 54,6% dei contrari e 45,4% favorevoli. Tuttavia, nel 2016, i contrari erano il 70,1%.