Coronavirus, due navi da crociera in isolamento nel porto di Civitavecchia

Sono due le navi ferme in isolamento nel porto di Civitavecchia per tre membri dell’equipaggio risultati positivi al coronavirus

Navi isolamento coronavirus bloccate nel porto di Civitavecchia tre membri dell'equipaggio positivi

Lo ha reso noto l’assessore alla Sanità della regione Lazio, Alessio D’Amato. Si tratta delle navi la Deliziosa e la Favolosa, due navi di Costa Crociere al momento bloccate in isolamento al Porto di Civitavecchia per tre membri dell’equipaggio risultati positivi al coronavirus.

La Costa Deliziosa, con un gruppo di 28 persone dell’equipaggio dalle Filippine, due di queste sono risultate positive al Coronavirus e sono ora ricoverate allo Spallanzani. La Costa Favolosa con un caso positivi, sempre dalle Filippine. In una nota, la compagnia ha spiegato che: “allo stato attuale, due di loro – facenti parte dell’equipaggio di Costa Deliziosa – sono assistiti in buone condizioni presso strutture ospedaliere di zona e il terzo – parte del personale di Costa Favolosa – si trova in isolamento sulla nave stessa, anch’egli in buone condizioni di salute”.

Leggi anche -> La Svezia ed il ‘no’ al lockdown, il Pil ci ha guadagnato

Due navi in isolamento bloccate nel porto di Civitavecchia coronavirus tre infetti

I controlli di Costa Crociere

“La tempestività con cui la Compagnia è stata in grado di intercettare la positività di questi tre casi e di rispondere prontamente alla situazione specifica, è frutto dei rigorosi protocolli di sicurezza posti in essere da Costa Crociere, ulteriormente rafforzati in vista della possibile ripartenza delle proprie crociere, non appena il Governo darà la propria autorizzazione. Le procedure messe a punto da Costa Crociere prevedono uno screening scrupoloso per ogni membro dell’equipaggio che parte ben prima dell’imbarco sulla nave di destinazione. Ciascun marittimo viene, infatti, sottoposto ad una serie di test sanitari nel proprio Paese di origine, ospitato in strutture dedicate e sottoposto ad un tampone prima della partenza per l’Italia”.

“Al momento dell’arrivo in Italia, viene svolto un secondo tampone e tutto il personale osserva un periodo di due settimane di costante monitoraggio sanitario. Solo a fronte dell’esito negativo di tutti questi controlli, il membro dell’equipaggio è giudicato idoneo all’attività di bordo. Anche in seguito, inoltre, il monitoraggio della salute degli equipaggi è continuo, con tamponi eseguiti periodicamente a tutto il personale. Tutte le procedure sono opportunamente concordate con le autorità sanitarie locali. Proprio in accordo con queste ultime, Costa Crociere, continuerà a svolgere le opportune indagini sanitarie anche nei prossimi giorni al fine di tenere costantemente monitorata la situazione. La sicurezza dei propri equipaggi è infatti una priorità assoluta”.

Le parole del sindaco di Civitavecchia

Ernesto Tedesco, sindaco di Civitavecchia, ha così commentato il fatto: “Ho appreso questa notizia certo non con piacere. Le navi sono una risorsa per Civitavecchia e guai a chi tocca il crocierismo, ma un po’ di preoccupazione c’è. Ora sto rientrando per avere un’analisi più precisa. Stasera incontrerò il vicesindaco che ha seguito da vicino la vicenda, in mia assenza” ha dichiarato all’Adnkronos, Ernesto Tedesco. “Sono stato avvertito ieri sera, mi hanno poi chiamato dalla Asl – ha continuato poi – minimizzando, devo dire, perché mi hanno detto che sono un paio di persone allo Spallanzani, comunque isolate e non possono scendere. Questo è consolante, ma rimane la preoccupazione, proprio ora che eravamo quasi Covid free, di ricominciare da capo con queste benedette navi”.

Leggi anche -> Gli infermieri contro Salvini: “Io a differenza sua ho rispetto per i 35.112 italiani morti”