Streghe, l’attrice positiva al Covid: “Pensavo di morire…”

L'attrice di Streghe ha raccontato i terribili istanti in cui pensava di morire...

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:56

Alyssa Milano è un’attrice che è diventata famosa al grande pubblico per aver interpretato la strega Phoebe nella serie TV cult Streghe. In queste ore, però, è tornata a far parlare di sé in riferimento ad una confessione che ha fatto sul suo account Instagram, in cui si è mostrata con un respiratore a coprirle parte del volto e visibilmente deperita. La confessione dell’attrice di Streghe si è incentrata dunque sul periodo in cui è stata colpita dal coronavirus, che ha rischiato di metterla in ginocchio, facendola stare davvero molto male.

I test diagnostici imperfetti

Nel suo lungo post su Instagram l’attrice di Streghe ha spiegato quanto siano imperfetti, almeno negli Stati Uniti, i test che vengono fatti per riscontrare la presenza del virus. Ha infatti raccontato: “Non mi ero mai sentita così male. Dolore ovunque. Perdita di olfatto. Sentivo come se un grosso elefante si fosse seduto sul mio petto. Non riuscivo a respirare. Non riuscivo a mangiare. Ho perso 4 kg in due settimane. Mi sentivo confusa. Avevo una febbre lieve. E un mal di testa orribile. Praticamente avevo ogni sintomo del covid. Alla fine di marzo ho fatto due test ed entrambi sono risultati negativi. Quando ho iniziato a sentirmi un po’ meglio ho fatto il test degli anticorpi. Negativo”.

LEGGI ANCHE —-> The Pale Door | un trailer per lo stravagante western con le streghe

LEGGI ANCHE —-> Coronavirus, 17enne positivo: allarme tra i 1000 partecipanti ad una festa

L’attrice di Streghe: “Ho avuto paura di morire”

Il racconto dell’attrice di Streghe prosegue: “Dopo aver vissuto gli ultimi quattro mesi con sintomi come vertigini, problemi di stomaco, ciclo irregolare, palpitazioni, fiato corto, memoria labile e un generale malessere ho ripetuto il test degli anticorpi. Ho avuto il covid. Voglio solo avvertirvi che il sistema usato per i test è imperfetto e che non sappiamo i numeri reali. Voglio anche che sappiate che questa malattia non è un’invenzione. Ho pensato di morire. Mi sentivo morire. Donerò il plasma con la speranza che possa salvare una vita. Per favore abbiate cura di voi stessi. Lavate le mani e indossate la mascherina e mantenete la distanza di sicurezza. Voglio che nessuno si senta come mi sono sentita io.”