Bielorussia, Lukashenko viene rieletto e il Paese insorge: 3.000 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:42

Il presidente Aleksandr Lukashenko esce vincitore, per l’ennesima volta, dalle elezioni in Bielorussia. In carica dal 1994, viene ora riconfermato con l’80,23% dei voti. Un risultato che non è piaciuto ad almeno trenta città della Bielorussia, nelle quali hanno avuto luogo proteste, arresti e feriti. 

bielorussia
(Foto di Siarhei Leskiec, da Getty Images)

L’attuale presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko vince ancora: dalle ultime urne arriva la riconferma della sua presidenza per la sesta volta consecutiva, con l’80,23% dei voti. Il presidente, ormai a capo della Bielorussia da 26 anni, di certo non si sarebbe lasciato sfuggire l’ennesima occasione di tenere sotto controllo il Paese. I primi dati parziali sarebbero arrivati addirittura a urne ancora aperte, forniti dalla commissione elettorale. L’opposizione di Svetlana Tikhanovskaya, invece, non avrebbe superato il 9,90% di consensi. Un restante 2% è da spartire tra gli altri tre candidati. Eppure, l’opposizione rivendica la vittoria: secondo la squadra elettorale della candidata d’opposizione “i risultati delle elezioni riportati dalla Commissione centrale elettorale contraddicono la realtà e sono completamente in contrasto con il buonsenso”, stando a quanto affermato dalla portavoce Tikhanovskaya, Anna Krasulina, ripresa dall’agenzia Interfax. A dimostrare un profondo disaccordo nei confronti del risultato ufficiale delle elezioni è la popolazione stessa, che scende in piazza a rivendicare la presidenza di Tikhanovskaya, moglie di un blogger a sua volta candidato, e arrestato nelle scorse settimane.

LEGGI ANCHE -> Bonus in Parlamento, ecco il primo leghista: reddito a sei cifre e diverse proprietà

Sfocia in una sollevazione popolare la campagna della candidata di opposizione, che si era fatta strada sfruttando anche la noncuranza di Lukashenko, che in un primo momento l’avrebbe liquidata affermando: il Paese “non è pronto per una donna al potere”. Così, Lukashenko avrebbe sottovalutato un nemico interno e imposto nuovamente la propria rielezione. L’opposizione però non ci sta, e chiama i simpatizzanti in piazza, chiedendo “a coloro che credono che la loro voce sia stata rubata di non tacere”. E la piazza risponde. Nella notte migliaia di bielorussi hanno manifestato dissenso nei confronti del risultato delle elezioni. Il bilancio è pesante: circa 3.000 persone arrestate, un morto e dozzine di feriti. A presentare i numeri, ancora da aggiornare, è il centro per i diritti umani Vesna. Stando a quanto affermato dal ministero dell’Interno bielorusso, invece, circa mille persone sono state fermate a Minsk e in oltre 30 altre città della Bielorussia. Sempre secondo il ministero, oltre 50 civili e 39 agenti sono rimasti feriti negli scontri, stando a quanto riportato dalla testata online Meduza. Negli sconti in piazza la polizia avrebbe anche sparato pallottole di gomma, lanciato lacrimogeni e usato idranti per disperdere la folla. E proprio a proposito della testata indipendente russa Meduza, Maxim Solopov, inviato speciale della testata, sarebbe scomparso da almeno 12 ore.

LEGGI ANCHE -> Conte: “A cena con Salvini e Fontana? Meglio con Meloni e Zaia”

bielorussia
(Da Getty Images)

Di fronte al caos e alle manifestazioni di dissenso, la strategia del presidente rieletto resta la stessa: minimizzare. Lukashenko avrebbe affermato: le proteste sono “dirette dall’estero”. “I servizi speciali hanno registrato chiamate dalla Polonia, dalla Gran Bretagna e dalla Repubblica Ceca“, dice l’attuale presidente. Poi avrebbe aggiunto: “Non parlerò della Polonia: da lì cercano di tirare i fili. Non parlerò dell’Ucraina: molta gente è venuta da lì. Sono sicuro che questa non è una politica statale ma là ci sono molte persone ‘patite’ del Maidan. Purtroppo alcune persone sono venute anche dalla Russia”. A far salire ulteriormente la tensione i problemi di connessione internet segnalati da diverse testate, tra cui la russa Mediazona. L’Afp avrebbe poi riportato un’altra anomalia: alcuni testimoni hanno confermato di aver trovato difficoltà a collegarsi a giornali online simpatizzanti con l’opposizione. Tra questi, Tut.by e Radio Liberty. Il canale Telegram Onliner ha scritto: alcuni utenti “non riescono ad accedere a YouTube e Telegram, così come ai siti informativi più popolari”.

LEGGI ANCHE -> Il Coronavirus potrebbe non svanire, anche dopo il vaccino

A commentare i fatti anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. La presidente chiede alle “autorità bielorusse di garantire che i voti nelle elezioni di ieri siano conteggiati e pubblicati in modo accurato”. Poi ancora: “La persecuzione e la repressione violenta di manifestanti pacifici non hanno posto in Europa” e “i diritti fondamentali in Bielorussia devono essere rispettati”. Per il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è inaccettabile la mancanza di rispetto nei confronti degli “standard minimi democratici”. A sollevarsi anche la Polonia, che chiede un vertice europeo straordinario. Secondo il premier Mateusz Morawiecki “le autorità hanno usato la forza contro i loro cittadini che chiedevano un cambiamento nel paese. Dobbiamo sostenere il popolo bielorusso nella sua ricerca della libertà”.