Quindicenne in coma etilico, finisce in rianimazione al Versilia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:05

Sabato notte a Viareggio, un gruppo di minorenni in vacanza dalla Lombardia ha bevuto superalcolici in spiaggia. Quindicenne in coma etilico, i due amici anche loro al pronto soccorso.

Quindicenne in coma etilico, finisce in rianimazione al Versilia

Sabato notte, in spiaggia presso uno stabilimento balneare della Passeggiata di Lido di Camaiore, tre minorenni di 15, 16 e 17 anni sono finiti al pronto soccorso dopo aver bevuto superalcolici. In particolar modo, il quindicenne, arrivato in vacanza della Lombardia con i suoi amici, è finito per qualche ora nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Versilia. Mentre, gli altri due minorenni hanno avuto necessità di trascorrere qualche ora anch’essi in ospedale, ma in condizioni meno gravi. Per il ragazzino in coma etilico, la situazione si è fatta più tragica. Infatti, il quindicenne, preso in carico dai medici del Pronto soccorso, non rispondeva a nessuno stimolo, neppure a quelli di rito relativi al dolore. Una volta ripreso, il ragazzo è stato trasferito nel reparto di Pediatria dal quale è poi stato dimesso nella giornata di ieri.

Leggi anche –> Adescava minorenni in rete per pedopornografia: arrestato

Leggi anche –> Un altro incendio doloso a Livorno: cresce la preoccupazione in città

“Sabato notte la nostra squadra è uscita 10 volte: una per un incidente a Viareggio e le altre 9 per abusi di alcol da parte di giovani sotto i vent’anni”: è questo che racconta Carla Vivoli, presidente della Croce Verde di Viareggio. Effettivamente, i volontari in servizio notturno sull’ambulanza sono intervenuti anche per soccorrere un quasi diciassettenne in stato di incoscienza da abuso di alcol. “Sono tutti giovanissimi e la maggior parte degli interventi effettuati ha riguardato la Darsena. D’altra parte, l’allarme sull’estate del virus ad alto tasso alcolico tra i più giovani è stato lanciato un mese fa dal primario del Pronto soccorso dell’ospedale di Versilia, Giuseppe Pepe”: conclude Vivoli. Pepe, infatti, ha ribadito la gravità della situazione. A concordare con il primario anche i collega di Rianimazione: Stefano Buzzigoli e il pediatra Luigi Gagliardi che ricorda: “Sabato scorso ne abbiamo visti tre di giovanissimi in preda agli effetti da assunzione di alcolici”.

Quindicenne in coma etilico, finisce in rianimazione al Versilia

Ora starà alle forze di polizia scoprire dove siano state acquistate le bottiglie e quale percorso le abbia portate nelle mani dei tre minorenni.

Leggi anche –> Carabiniere aggredito, trovati i responsabili: c’è anche un minorenne