Due milioni e mezzo di banchi in arrivo, a scuola tra settembre e ottobre: bando chiuso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:47

Si è conclusa la gara per la produzione dei banchi da utilizzare per il prossimo anno scolastico. Verranno messi a disposizione delle scuole ben due milioni e mezzo di oggetti.

banchi-monouso

Si è concluso il tanto atteso bando indetto da Domenico Arcuri in quanto Commissario per l’Emergenza Covid. Si tratta della gara per l’assegnazione della produzione dei discussi ma fondamentali banchi monouso. Saranno loro i protagonisti più attesi in vista del prossimo anno scolastico, in cui le distanze e la prevenzione anti-coronavirus saranno fondamentali. E in questo senso va visto il bando, che ha visto la partecipazione di 14 ditte specializzate nel settore. Alla fine, sono stati emessi 11 contratti di affidamento ad aziende e raggruppamenti di imprese.

Si tratta per la maggior parte dei casi di aziende con base in Italia. Saranno loro a produrre i nuovi banchi che varcheranno le soglie delle scuole del nostro Paese. E alla fine, oltre a quelli tradizionali verranno fatti costruire anche quelli con sedute innovative. Quelli, per intenderci, con le ruote alla base della seduta per agevolare il movimento dei bambini più in difficoltà. E così, sono in arrivo da parte di queste undici aziende gli oltre due milioni e mezzo di nuovi banchi monouso, fondamentali per dare il via nel migliore dei modi al nuovo anno scolastico.

Domenico Arcuri ha condotto il bando – meteoweek.com

Di questi, saranno circa due milioni i banchi monouso tradizionali, mentre saranno poco meno di 450mila quelli con seduta innovativa. Il commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri, ai coleghi dell’Ansa, ha svelato che la consegna avverrà a partire da metà settembre. L’arrivo nelle scuole dei due milioni e mezzo di banchi si concluderà a ottobre inoltrato. Come rivela Arcuri, tutto ciò fa parte di “una programmazione nazionale e una tempistica che terrà conto delle effettive priorità scolastiche e sanitarie dei vari territori“.

Leggi anche -> Bonus Covid: ecco i due deputati sospesi dalla Lega

Leggi anche -> Insegnante muore di overdose insieme a compagno: è stata trovata dalle figlie

In ogni caso, sarà comunque garantito il via regolare dell’anno scolastico nella data prevista, ovvero a metà settembre. Anche perchè si comincierà con l’utilizzo di banchi monouso tra quelli già presenti. E così, non appena arriveranno tutti quelli nuovi, prenderà il via l’operazione dei vecchi banchi, secondo modalità ordinarie in accordo con Comuni e Province. Ma non si parla solo di banchi, in tema di prevenzione a scuola. Ci sarà una vasta operazione di screening preventivo, con oltre 2 milioni di test sierologici volontari e gratuiti per insegnanti e personale non docente. Verranno inoltre distribuite 11 milioni di mascherine chirurgiche e 50mila litri di gel igienizzante al giorno.