Ronaldinho torna libero: per l’ex campione di calcio finiscono gli arresti domiciali in Paraguay

Rolandinho e suo fratello Roberto hanno ottenuto la fine degli arresti domicialiari in Paraguay. Ora dovranno pagare multe per un totale di 200.000 dollari.

Rolandinho in tribunale - Meteoweek.comL’ex stella del calcio internazionale Ronaldinho torna libero. Lo ha decretato un giudice del Paraguay, Gustavo Amarilla, che ha disposto la fine degli arresti domiciliari per il calciatore e per suo fratello, Roberto de Assis. I due fratelli ora sono liberi di tornare presso il loro paese d’origine, il Brasile.

Il giudice ha accolto la richiesta dei pubblici ministeri paraguaiani, che volevano il rilascio sulla parola di Ronaldinho e Roberto. Nonostante abbiano ottenuto la fine degli arresti domiciliari, i fratelli sono comunque costretti a pagare multe per un totale 200.000 dollari.

Leggi anche –> Briatore: “Attendo l’esito del tampone”. Le condizioni dell’imprenditore

Leggi anche –> Google lancia la sua università: ci si può laureare in sei mesi

Ronaldinho - Meteoweek.com

I due fratelli erano finiti in manette a marzo per essersi introdotti in Paraguay con documenti falsi. Dopo l’arresto, Rolandinho e Assis hanno trascorso un mese in prigione, per poi trasferirsi in un hotel di lusso ad Asuncion dove sono rimasti agli arresti domiciliari per altri 4 mesi. Il direttore dell’hotel ha fatto sapere che Rolandinho ha richiesto un pallone da calcio per potersi esercitare durante la sua permanenza forzata nell’albergo.