Home Cronaca Migranti: donna positiva al Covid partorisce a bordo di un elicottero

Migranti: donna positiva al Covid partorisce a bordo di un elicottero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11
CONDIVIDI

Una migrante incinta al nono mese, positiva al Coronavirus, che era approdata a Lampedusa, ha partorito a bordo di un elicottero del 118 della Regione Siciliana che la stava trasportando a Palermo.

meteoweek.com

La donna è stata assistita dai medici e dal personale del Sistema sanitario regionale, ai quali l’assessore alla Salute Ruggero Razza ha rivolto il proprio ringraziamento per il lavoro svolto. “Per noi il diritto alla salute di tutti è la unica stella polare. Dalla quale non arretriamo e non arretreremo”, ha sottolineato l’esponente del governo Musumeci.


LEGGI ANCHE:

La nave di Banksy per salvare i migranti

meteoweek.com

E’ la “Luoise Micheal“, motonave finanziata e dipinta di rosa shocking da Banksy, che ha fatto più notizia nell’ultima settimana per la questione migranti. L’imbarcazione è molto carina. È bello il nome, preso da una femminista anarchica e massona francese; è bello lo stencil che ricorda un murales e che si nota in prospettiva della murata – una bambina in classico stile Banksy che tende un salvagente a forma di cuore -; ed è bello che un’artista visionario e milionario come lui, fornisca un contributo concreto per una causa nella quale crede. Una causa, quella del salvare vite in mare, che nessuno ha mai messo in dubbio per nobiltà, legittimità e giustizia. È bello che tutte le anime belle abbiano potuto postare da tutte le parti le foto del natante colorato per riaccendere il dibattito politico sul problema sistemico dei flussi migratori. L’artista ha dichiarato: “Ho comprato una nave perché la Ue ignora le richieste di soccorso dei non europei”. A capo della nave c’è Pia Klemp. La donna ha 36 anni e ha iniziato la sua carriera sei anni fa a bordo della nave del gruppo ambientalista Sea Shepard, poi è passata alla Sea Watch e in seguito alla Iuventa. Con il suo equipaggio, scrive ha salvato oltre mille migranti nel Mar Mediterraneo. L’inchiesta della magistratura italiana sta ancora stabilendo se abbia “collaborato” con i contrabbandieri libici per salvare i migranti in mare.