Home Cronaca Sorelline morte nel campeggio, le ultime parole di Malak al padre

Sorelline morte nel campeggio, le ultime parole di Malak al padre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10
CONDIVIDI

“Non respiro, ti voglio bene”: sono state queste le ultime parole rivolte al padre da Malak. Ora, continuano le indagini e crescono i dubbi sullo stato dell’albero. 

Sorelline morte nel campeggio

“Non respiro, ti voglio bene”: sono state queste le ultime parole rivolte al padre da Malak, la ragazzina di 14 anni morta insieme alla sorellina, Jannat, di 3 anni sotto il peso di un albero che si è abbattuto su di loro a causa del forte maltempo in un campeggio di Marina di Massa, in Toscana.

Il padre delle due bambine, Hicham Lassiri, ora vuole giustizia e verità. “Ho visto le mie due figlie sdraiate sul lettino dell’obitorio una accanto all’altra: sembravano due angeli addormentati. Io lo so, andranno sicuramente in paradiso. Ma intanto spero che qui sulla terra sia fatta giustizia, perché quell’albero non doveva cadere addosso a loro. Era tutto marcio e doveva essere tagliato prima. Io non voglio accusare nessuno, ci sono le indagini per questo. Chiedo solo giustizia e verità”: ha dichiarato il padre di Malak e Jannat. Poi ha aggiunto: “Ci ha svegliato il rumore del vento. Un boato. Dopo pochi secondi è caduto l’albero. Jannat, la piccolina, non la vedevo. Mi sono avvicinato a Malak che aveva un taglio sulla fronte e mi diceva: “Papà non riesco a respirare, non ce la faccio”. Io le ho risposto: Non mi lasciare, ti prego non mi lasciare ma lei mi ha guardato e ha detto: “Non posso. Vi voglio bene”. Queste sono state le sue ultime parole. Poi è svenuta e non si è più svegliata”.

Campeggio di Marina di Massa
Campeggio di Marina di Massa dopo l’incidente

 

Leggi anche –> Incidente a Carpi: morto un 31enne nello schianto in tangenziale

Leggi anche –> Caso Parisi, torna l’ipotesi incidente “Gioele morto dopo lo scontro”

 

La Asl: “Nessun espianto di organi” per le due sorelle morte a Marina di Massa nel campeggio

Lassiri spiega di non sentirsela di tornare al campeggio e vedere i giochi e i vestiti sparpagliati delle sue bambine: “Ci sono tornato domenica pomeriggio per riprendere mio figlio che avevamo lasciato lì in compagnia mentre io e mia moglie eravamo all’ospedale. Siamo arrivati alle 4 e ho visto che stavano tagliando alcuni alberi. Allora mi chiedo, forse quegli alberi andavano tagliati prima? Forse anche l’albero che è caduto addosso alle mie figlie andava tagliato prima? Non c’è stata una tromba d’aria, solo un vento forte. Spero che si scopra la verità”.

Indagini sorelline morte nel campeggio

Leggi anche –>28enne in gravi condizioni: ha avuto due incidenti in 10 minuti

Leggi anche –> Bufera procure: l’ex consigliere Palamara accusato di corruzione