Como, la comunità sotto choc, il corpo di Don Roberto viene portato via (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

Como si è svegliata con una notizia drammatica: la morte di Don Roberto Malgesini. Il prete, noto come il sacerdote degli ultimi.

corpo di Don Roberto Malgesini
Como si è svegliata con una notizia drammatica: la morte di Don Roberto Malgesini. Il prete, noto come il sacerdote degli ultimi, sempre in prima linea per aiutare, assistere e fare del bene. I ragazzi che aiutava sono sconvolti, piangono per strada ed osservano increduli il recupero del corpo esanime del prete. “Non se lo meritava, faceva del bene a tutti”, “Era come un padre per me”, le parole delle persone che testimoniano quanto don Roberto fosse amato.

Como piange don Roberto

La comunità di Como piange l’uccisione di Don Roberto Malgesini, il prete 50enne assassinato questa mattina in Piazza San Rocco. Le forze dell’ordine riparano con i teli il corpo del prete mentre gli addetti lo ricompongono. Il Vescovo e i sacerdoti sono giunti sotto choc sul posto, sono in religioso silenzio ed in preghiera, assistono atterriti insieme al sindaco, ai cittadini, alle persone di cui si occupava il sacerdote, al recupero del suo corpo straziato, per essere poi condotto in obitorio.

don roberto malgesini ucciso a Como
Don Roberto

LEGGI ANCHE:


L’assassino: problemi psichici non confermati

E proprio una delle persone che don Roberto aiutava, per assurdo, l’ha aggredito e ucciso. Un senzatetto al quale il prete forniva assistenza e con il quale pare fosse in buoni rapporti. Il direttore della Caritas ha riferito che «Aveva problemi psichici e dei provvedimenti di espulsione non eseguiti fin dal 2015» La Questura non ha però confermato i problemi psichici: «Non risulta né dalla documentazione medica che lo riguarda né dalle verifiche coi servizi sociali». Su di lui vi è un provvedimento di espulsione dell’8 aprile, sospeso a causa dell’epidemia. Il 53enne è arrivato in Italia nel 1993 e si è sposato tre anni dopo con un’italiana. È stato interrogato dopo essere stato medicato in ospedale per una ferita che si è procurata durante l’aggressione.