Lecce, fidanzati uccisi a coltellate: “Ho visto un uomo fuggire di corsa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:04

A “Pomeriggio Cinque” parlano i vicini di casa dei due fidanzati, Daniele De Santis ed Eleonora Manta, uccisi a coltellate nella loro abitazione. Esce allo scoperto un indizio importante. 

meteoweek.com

Ho visto un uomo scendere di corsa le scale con uno zainetto in spalla“. E’ la testimonianza di un vicino di Daniele De Santis ed Eleonora Manta che sono stati trovati morti nella propria abitazione in provincia di Lecce. A “Pomeriggio Cinque” uno dei condomini afferma di aver visto quello che dovrebbe essere l’assassino dei due fidanzati, di 33 e 30 anni. “L’ho visto solo di spalle dallo spioncino della mia porta, il suo atteggiamento mi ha insospettito. Fuggiva”, racconta il testimone che dall’interno del suo appartamento si è affacciato per le urla provenienti dall’abitazione dei due giovani. “Prima ho sentito la voce della ragazza, poi quella di Daniele, chiedevano aiuto“, – racconta invece un altro condomino. Le testimonianze saranno fondamentali adesso che è caccia all’uomo che ha ucciso i due giovani all’interno della loro casa di Lecce. I carabinieri stanno indagando sul movente.


Leggi anche -> Cassa integrazione, Gualtieri: “Non sarà generalizzata e gratuita per tutti”

Leggi anche -> Omicidio Sacchi, parla l’amico di Del Grosso: “Luca mai interessato alla droga”


 

La ricostruzione della vicenda

meteoweek.com

Daniele De Santis, 33 anni, arbitro di calcio di serie C, e la sua fidanzata, Eleonora Manta, 29 anni, sono stati uccisi a coltellate a Lecce. I corpi senza vita dei due sono stati trovati dai carabinieri e dai soccorritori del 118 in un appartamento di Via Montello, molto vicino alla stazione ferroviaria del capoluogo salentino. Per il duplice omicidio gli investigatori sono alla ricerca di una persona che sarebbe stata notata allontanarsi di corsa dall’edificio. Il delitto sembrerebbe essere il tragico epilogo di una lite finita male di cui al momento non si hanno indizi. Potrebbe esserci un movente passionale. I carabinieri stanno ricostruendo l’accaduto con le importanti testimonianze dei vicini di casa. Secondo quanto si apprende, il corpo esanime di De Santis si trovava proprio sulle scale, mentre quello della fidanzata era ancora all’interno dell’abitazione. Ogni tentativo da parte dei soccorritori di rianimare i due è stato vano per quanto i due giovani sono stati colpiti mortalmente dai fendenti.