Il settembre più freddo degli ultimi 50 anni: freddo, vento e disastri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:16

Le temperature minime a Milano e Torino si aggirano intorno ai 4 gradi. Un finale di stagione tra freddo e piogge con interventi dei vigili del fuoco per arginare i danni provocati dal maltempo

Il settembre piu' freddo degli ultimi 50 anni
La colata di fango a Monteforte Irpino

Un settembre gelido, il più freddo degli ultimi 50 anni. Venti freddi e forti piogge che imperversano su tutta l’Italia scoperchiando i tetti e colate di fango che ricoprono i paesi – come quello di Monteforte Irpino – gettando l’Italia, in una sorta di condizione apocalittica che va perfettamente a braccetto con l’epidemia di coronavirus. Per quanto riguarda il profilo termico sono infatti almeno 50 anni che le temperature minime non scendevano così in basso «Milano e Torino, per esempio, domenica 27 settembre hanno registrato rispettivamente 5 e 4 gradi di notte — scrivono i meteorologi del sito di previsioni — ma i valori sono risultati molto bassi anche sul resto del Nord e in Toscana, con minime al di sotto dei 10°C».

Il settembre piu' freddo degli ultimi 50 anni Monteforte Irpino
Monteforte Irpino, i danni del maltempo

La Sardegna tra le regioni in allarme

La Sardegna tra le regioni ‘attenzionate’ quest’oggi a causa delle piogge che da questa notte stanno causando forti disagi alla circolazione stradale. È stata infatti chiusa per allagamento la statale 672 Sassari-Tempio, poco prima di Bortigiadas, nell’alta Gallura. A Sennori invece, la forte pioggia ha provocato una piccola frana che si è poi riversata sulla carreggiata lungo la strada provinciale 72 che collega il paese con Osilo. Nel Cagliaritano le forti piogge di questi giorni hanno causato il crollo di un controsoffitto della biblioteca di ingegneria. “Se fosse successo solamente poche ore più tardi, l’incolumità di noi studentesse e di noi studenti sarebbe stata messa seriamente a repentaglio – hanno dichiarato gli studenti di Reset Unica”. L’allerta meteo è stata prorogata ovunque fino a mezzanotte di oggi.

Il settembre piu' freddo degli ultimi 50 anni Gallura

La Campania devastata dal mal tempo

La situazione in Campania è particolarmente difficile nell’area flegrea, colpita dalla fitta pioggia e dal forte vento dal pomeriggio di ieri. Nel comune di Bacoli sono già stati richiesti duecento interventi urgenti per poter fronteggiare gli allagamenti e i cedimenti delle strade, i crolli degli alberi e le colate di fango. Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari stanno lavorando anche sotto l’acqua per evitare il blocco della circolazione nelle aree a rischio del Fusaro e di Torregaveta ed allagamenti di terra nei e seminterrati nel centro storico soprattutto. Si è sfiorata la tragedia a Pozzuoli, in via De Curtis dove un palo della luce ha invaso l’intera carreggiata, fortunatamente in un momento in cui non vi erano mezzi.

Il settembre piu' freddo degli ultimi 50 anni Bacoli
Bacoli allagata – immagine di repertorio

LEGGI ANCHE:


Il cielo torna ad aprirsi

Fortunatamente il meteo ci darà qualche giorno di tregua tra martedì e giovedì. «Nonostante un cielo ancora con diverse nubi, le temperature saliranno progressivamente, sia di notte, sia di giorno, fino a tornare in media con il periodo praticamente su tutto il Paese — afferma IlMeteo.it —. Il maltempo tornerà poi sulle regioni settentrionali a partire da venerdì 2 ottobre».