Covid, Gran Bretagna: predisposto aiuto di 500 sterline per auto isolamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37

In Gran Bretagna il Governo ha deciso di varare aiuti per chiunque sia impossibilitato a lavorare a causa del Covid. Nel frattempo, per garantire un rispetto dell’isolamento domiciliare, arriva la super multa: chi non rispetterà l’isolamento sarà costretto a pagare fino a 10mila sterline. 

gran bretagna coronavirus
(Foto di Leon Neal, da Getty Images)

In Gran Bretagna il Governo di Boris Johnson ha deciso di varare nuovi provvedimenti per la gestione dell’emergenza coronavirus: chi è costretto ad autoisolarsi ma ha un reddito basso o si trova impossibilitato a lavorare avrà diritto a 500 sterline. Non si tratta, però, dell’unico sussidio disposto dal Governo. Attualmente vige anche un assegno di disoccupazione, pari a 95 sterline a settimana, a cui potranno essere sommate le 500 sterline di cui prima, che potranno essere recepite solo dopo il 12 ottobre. Oltre a questa misura di incentivo al rispetto della quarantena, il Governo Johnson ha anche varato un deterrente: chiunque infranga l’isolamento domiciliare obbligatorio (imposto perché positivo o per essere entrato in contatto con persone positive) sarà oggetto di una maxi multa fino a 10mila sterline. Il premier Johnson sembra voler inserire queste nuove misure all’interno di un quadro ben preciso: in Gran Bretagna la catena di contagi prosegue e sempre più incalzanti si fanno le raccomandazioni a mantenere il distanziamento sociale, a rimanere a casa e ad adottare lo smart working.


LEGGI ANCHE:


gran bretagna - meteoweek.com
(Foto di Tolga Akmen, da Getty Images)

A commentare le misure anche la ministra dell’Interno Priti Patel, che afferma: “Non permetteremo a chi trasgredisce di mettere a rischio i progressi fatti grazie alla maggioranza (della popolazione) che rispetta le regole”. Fa eco il titolare della Sanità Matt Hancock, che ribadisce: il Governo potrebbe essere pronto a varare ulteriori misure. A presentare delle prime ipotesi sulle prossime mosse del Governo è il Times, che ipotizza un “lockdown dei contatti sociali” di due settimane esteso a gran parte dell’Inghilterra, che potrebbe riguardare anche pub e ristoranti. Questo permetterebbe di evitare un blocco più esteso di tutte le attività economiche, scuole e università. Intanto la situazione in Gran Bretagna preoccupa ancora, ma sembrano spuntare i primi sintomi di miglioramento: i contagi proseguono, ma la velocità di propagazione sembrerebbe in rallentamento. I contagi quotidiani sarebbero già scesi sotto quota 6.000 e l’ultima registrazione li attesterebbe a quota 4.000.