Serena Garitta, dopo anni dal GF la confessione: “Il mio corpo? Non ero…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13

Serena Garitta è sicuramente uno dei personaggi a cui maggiormente è servita l’esperienza del Grande Fratello e non solo professionalmente …

Serena Garitta e l’esperienza al Grande Fratello

Non è facile diciamo la verità rimanere famosi anche quando la tua unica esperienza in televisione risale a ben 16 anni. Il caso è quello di Serena Garitta totalmente cambiata a distanza di molti anni dalla partecipazione, e, stando ai fatti, cambiata radicalmente in bene. Correva l’anno 2004 e Serena Garitta venne incoronata vincitrice della quarta stagione del Grande Fratello. Una delle prime seguitissime edizioni, che gli valse la notorietà che tutt’oggi conserva. Oggi ha 42 anni ed è fidanzata con Nicolò Ancona, tennista professionista più giovane di lei di 10 anni. I due hanno un figlio, Rendo, di sette anni. A distanza di sedici anni dall’evento che l’ha portata alla notorietà, Serena è ancora molto seguita sui social, dove ha collezionato un totale di oltre 300mila followers.

Leggi anche -> Caso Vannini: “Ciontoli merita l’omicidio colposo perché al Pit ammise le sue responsabilità”

Leggi anche -> Federica Panicucci parla di Barbara D’Urso | Mattino Cinque : “Complicata”

La confessione 

Serena Garitta è tornata a parlare di quell’esperienza e ha spiegato anche i benefici che la stessa le ha concesso. Lo ha fatto concedendo ai fan uno scatto e un lunghissimo post che vi alleghiamo in cui spiega il presente e i benefici che il passato le ha apportato al suo corpo e alla sua mente:

Spesso mi scrivete che sono più bella ora di quando mi avete conosciuta 16 anni fa al “grande fratello”. Avevo 25 anni , vivace , entusiasta ma con tante insicurezze. Non ero a mio agio con il mio corpo e preferivo “travestirmi” da manga piuttosto che provare a valorozzarmi ,perché questo avrebbe voluto dire mettermi in gioco davvero.

Avrebbe significato rischiare , pensavo , di essere ridicola, goffa nel tentativo di evolvermi e affrancarmi dal ruolo della “simpatica” ma un po’ bruttina. Devo dire che qualcuno mi scrive anche che mi preferiva allora : insicura e un po’ impacciata, ma più vera , a loro dire, con i codini e il tutone . Ed era proprio la paura di questo giudizio che all’epoca mi faceva pensare che non ero nata per sentirmi anche bella, che non meritavo quel ruolo. Solo oggi a 42 anni ho capito che ero bella anche allora ma non lo sapevo.

Ed e’ solo questo che e’ cambiato: la consapevolezza di poter legittimamente aspirare ad essere , non perfetta , non fighissima , certamente non una modella, ma semplicemente la miglior versione di me stessa, la versione che piace a me, senza lasciarmi toccare dal giudizio di chi dall’esterno pensa di sapere chi sono o chi dovrei essere. Siate o diventate chi volete essere