Adriano Celentano tuona su Instagram e chiede giustizia: “Lo Stato deve pagare” VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Il Molleggiato è tornato sul popolare social con un lungo video di denuncia pubblicato su Instagram che ha già fatto il giro del web. Ecco le parole di Adriano Celentano. 

Il ritorno su Instagram

Alla veneranda età di 83 anni, nel maggio scorso, il leggendario Adriano Celentano era sbarcato su Instragram. Il marito di Claudia Mori si era subito dimostrato un grandissimo fans del noto social. “Bello questo Instagram!… Perche’ ti permette di divulgare il tuo pensiero e, verificare in tempo reale se avevi davvero pensato qualcosa…”, aveva scritto nel post in cui annunciava il suo nuovo account.

L’inesistente, il nome account di Adriano Celentano, è stato utilizzato dal Molleggiato per alcuni video denuncia: il cantante, mai lontano nella sua vita alla discussione sull’attualità e sulla politica, aveva deciso però di prendersi una pausa. Fino a qualche giorno fa, quando ha pubblicato il suo nuovo video.

Leggi anche —-> Alessandra Celentano prima e dopo | Le frecciatine della maestra di Amici

La rabbia di Adriano Celentano

“Non dovrebbe pagare qualcuno? Si. Forse la gente? Che vede e tace. O la politica. Che non tace però non fa niente”. Si apre così il nuovo video di Adriano Celentano che su Instagram sbotta contro uno Stato che, accusa, non si assume le sue responsabilità sulle ultime tragedie che hanno colpito il nostro Paese. Una musica leggera in sottofondo fa da cornice a un cielo oscurato da fulmini e tuoni.

Continua il Molleggiato: “O lo Stato, che non si capisce cos’altro aspetti ad instaurare un meccanismo di difesa, fatto di persona che abbiano il sentore della tragedia per individuare da che parte possa esplodere la tragedia. Prima che Willy e il piccolo Evan vengano brutalmente uccisi”.

Leggi anche —-> Ornella Muti ritorna su Celentano e sgancia la bomba: “Claudia Mori lo tradiva”

Celentano: “L’odio finirà”.

Il cantante parla di due vicende di cronaca accadute negli ultimi mesi che hanno sconvolto l’opinione pubblica. Il primo è l’omicidio del giovane Willy Duarte, avvenuto a Colleferro, alle porte di Roma. E il secondo è la morte del piccolo Evan, morto a soli 21 mesi.

Scrive il Molleggiato a conclusione del suo video: “L’odio finirà, solamente se gli uomini sapran risorgere dentro di sè”, in un raro messaggio dove la speranza e la delusione si mischiano insieme.