Beatrice non ce l’ha fatta: donate le cornee dopo la tragica morte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:44

Ha lottato e con lei la mamma Elena, il papà Simone Stellin e il fratellino gemello Gabriele ma Beatrice alla fine si è spenta.

Beatrice non ce l’ha fatta: donate le cornee dopo la tragica morte – meteoweek

Beatrice si è spenta per sempre. Non è riuscita a sconfiggere il male l’aveva costretta a combattere.. Ha lottato e con lei la mamma Elena, il papà Simone Stellin e il fratellino gemello Gabriele ma venerdì sera, intorno alle 10, la piccola Beatrice si è spenta. La sua storia sarà d’ispirazione per molti.

Avrebbe compiuto 8 anni a dicembre e frequentava la terza della scuola primaria a Villadose dove aveva incontrato i suoi compagni per l’ultima volta a settembre: «Vado a fare una visita – aveva detto in quei giorni – se sto bene torno a scuola altrimenti significa che torno in ospedale». Purtroppo nei giorni successivi è sopraggiunta la febbre e si è progressivamente aggravata, non lasciandole alcuno scampo. Beatrice comunque era malata da tempo. A giugno un gruppo di camminatori ha fatto un pellegrinaggio notturno a Sant’Antonio. «Dio sceglie i fiori più belli! Dopo tanta sofferenza, Beatrice è nata al Cielo» sono le accorate parole del parroco don Carlo Marcello.

Leggi anche –> Bimbo di 18 mesi chiuso in gabbia con topi e serpenti

Leggi anche –> Aggressione gay in centro: choc alla scoperta dei colpevoli

Leggi anche –> Strage di Bologna, choc in aula: ecco chi sono i mandanti

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

La Mamma Elena su Facebook ha scritto delle parole struggenti per salutarla: «Se penso che dicevi di avere l’ansia da palcoscenico mi scappa un sorriso. Sei speciale amore mio e siamo orgogliosi di te … Ed ora so che dal cielo mi guardi sorridi e mi fai il cuore con pollici ed indici. Te ne sei andata come sei venuta al mondo, fiera, coraggiosa, stringendomi forte la mano bambina mia. È stato un onore essere tua madre, ma tu lo sai, saremo insieme per sempre perché io e te siamo due cuori che battono all’unisono. A presto amore mio. Ricordati di catturarmi un Vulpix, perché io di Pokemon non so nulla ma quello mi sembra coccoloso». I funerali si terranno martedì alle 16 nella Chiesa di San Biagio a Canale.

Mortalità infantile: i dati sul territorio

I tumori in età pediatrica sono abbastanza rari, ogni anno vengono descritti circa 13 500 nuovi casi in bambini da 0 a 14 anni, con circa 1500 decessi. Nella popolazione adulta ogni anno vengono descritti 1,4 milioni di nuovi casi e 575 000 decessi. Tuttavia, il cancro è la seconda causa principale di morte tra i bambini dopo i traumi. La leucemia è la patologia più frequente. Letale e silenziosa. i tumori cerebrali rappresentano circa il 25% (contro il 33 della sorella cattiva), i linfomi rappresentano circa l’8%, e alcuni tumori ossei (osteosarcoma e sarcoma di Ewing) rappresentano circa il 4%. Beatrice è stata portata via anche lei da una lunga malattia per cui le ricerche non hanno ancora trovato una cura definitiva. Un dolore lento e definitivo per tutte le persone intorno a lei.