Qui poco più che 20enne, oggi una delle attrici italiane più amate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18

Lei è una delle attrici più amate ed apprezzate del mondo dello spettacolo italiano. Grande talento, bellezza senza tempo, è stata protagonista dell’amatissima serie I Cesaroni, prima di vestire i panni di Suor Angela. Avete capito di chi stiamo parlando?

La bellissima Elena Sofia Ricci

In un post pubblicato sul suo account Instagram ufficiale, l’attrice Elena Sofia Ricci ha relato ai suoi tantissimi followers un bellissimo scatto di quando aveva appena vent’anni. E’ uno scatto fatto sul set del film Ne parliamo Lunedì, pellicola del 1989 diretto da Luciano Odorisio. Oltre alla già citata Elena Sofia Ricci nel film gli attori Andrea Roncato e Sebastiano Nardone.

Elena Soffia Ricci, grazie alla sua straordinaria interpretazione, vinse nel 1990 il David di Donatello come migliore attrice protagonista, il Ciak d’Oro per la stessa categoria e nominata per la stessa categoria ai Nastri d’Argento. Da quel momento la carriera dell’attrice decollerà definitivamente.

Leggi anche —-> Mara Venier fa una promessa a Carraro: “Sarà l’ultima…”

Vita privata di Elena Sofia Ricci

Elena Sofia Ricci nel 1996, dalla relazione con Pino Quartullo, ha avuto una bambina, Emma. L’attrice è sposata con il compositore Stefano Mainetti dal 20 ottobre 2003, da cui ha avuto una figlia di nome Maria.

Elena Sofia Ricci è stata sposata anche con lo scrittore Luca Daminai ed è sorella della danzatrice Elisa Barucchieri.

Leggi anche —-> Uomini e donne, Gianni Sperti pazzo di lei: attratto dalla dama

Dai Cesaroni a Suor Angela

Dopo il grandissimo successo nella serie i Cesaroni, andata in onda su Canale 5, Elena Sofia Ricci è di nuovo protagonista di un’altra amatissima serie targata Rai, Che Dio ci aiuti. In una recente intervista, l’attrice ha parlato dei suoi iniziali dubbi sul ruolo di Suor Angela, poi superati.All’inizio non volevo farla. Reduce dalle fatiche de I Cesaroni avevo giurato Mai più lunga serialità”. Ma quando lesse la storia qualcosa cambiò: “Qualcosa allora scattò. Capii che, dietro quella donna, che aveva toccato il male e per questo s’era decisa al bene, c’era qualcosa d’importante. Anche per me”.

L’attrice ha poi continuato: “Io sono stata a lungo agnostica. Ma sempre attratta dalla figura di Gesù. Ero un’ assetata di luce. Come stessi vicino ad una porta socchiusa, in attesa che qualcuno me l’aprisse. Ecco: la vera suor Angela è stata la ventata che quella porta me l’ha spalancata”. Un ruolo quello di Suor Angela che ha vissuto intensamente: ” Ne facevo esperienza diretta. E ora potevo restituirle”. Ed ha poi concluso: “Sperimento che l’amore che si prova per Gesù non è una faccenda simbolica, un’immagine retorica. No, no: è amore vero. Concreto”.