Covid, allerta a Roma: in ospedale posti letto esauriti, al pronto soccorso entrano solo casi gravi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:05

Covid a Roma, sale l’allerta negli ospedali: posti letto già esauriti, lo Spallanzani accoglierà soltanto i positivi al virus. Troppa la pressione al Casilino: al pronto soccorso accettati soltanto i casi più gravi.

allerta covid roma
Allerta Covid a Roma – foto di repertorio

Si fa sempre più preoccupante la situazione Covid nella Capitale. Proprio ieri è stato raggiunto il picco dei 307 nuovi positivi, e mentre si assiste all’incremento dei contagi, ad aumentare sono anche i cittadini che devono ricorrere alle cure ospedaliere. Sempre nella giornata di ieri, i ricoveri sono aumentati di 32 unità, con un +5 per quanto riguarda i nuovi ricoverati in Terapia intensiva. Ma l’occupazione dei posti letto ordinari risulta già essere superiore al 90%, nei reparti dei quattro ospedali Covid di Roma – ovvero Tor Vergata, Umberto I, Spallanzani e Gemelli. E i pronto soccorso cominciano nuovamente ad essere presi d’assalto, intasati da lunghissime code.

A mostrare il quadro della situazione è stato lo stesso assessorato alla Sanità della Regione, che ha tra l’altro annunciato come anche i nosocomi non riconosciuti formalmente come operativi al Covid, sono in realtà tornati a ricoverare i pazienti positivi sintomatici. Dal San Camillo al Pertini, fino anche al San Giovanni, la Regione punta a fornire altri 450 posti che possano aggiungersi a quelli dei 4 “Hub Covid” (in totale 622), mentre nei casi di emergenza le degenze potranno essere tracorse anche nei centri “spoke” dell’ospedale militare del Celio e del covid-hospital di Casal Palocco.

Spallanzani accetta solo pazienti Covid

Nel Lazio aumentano i nuovi casi di contagio, ma a preoccupare maggiormente è soprattutto la situazione della Capitale. Arrivata qualche ora fa la comunicazione ufficiale  dell’Unità di Crisi Covid-19 della Regione che spiega come a partire dalla giornata di oggi, presso la struttura dello Spallanzani potranno accedere soltanto i pazienti affetti dal coronavirus.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


“A partire da oggi l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive, Lazzaro Spallanzani accetta solo pazienti Covid. Questa disposizione, concordata con la direzione sanitaria e con tutta la rete ospedaliera del Servizio sanitario regionale, è necessaria per garantire la disponibilità dei posti letto per l’emergenza SARS CoV-2“, recita dunque il messaggio della Regione.

Bloccato l’accesso anche al pronto soccorso dell’ospedale Casilino, dove è stato affisso un messaggio rivolto a tutti i pazienti impegnati nelle lunghe file d’attesa: “Allo scopo di garantire l’accoglienza ai numerosissimi pazienti che possono risultare positivi al Covid e per tutelare la sicurezza di tutti, si invitano quanti sono in attesa senza motivi di reale urgenza a volersi rivolgere al proprio medico curante“.

“Il virus mantiene la sua pericolosità”

Covid, Oms: il farmaco considerato miracoloso in realtà non serve a niente

“Quanto sta avvenendo dimostra chiaramente che il virus mantiene tutta la sua pericolosità e quanto affermato da diversi colleghi è risultato smentito nei fatti”, spiega Massimo Andreoni, direttore della Società italiana di malattie infettive e primario a Tor Vergata.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Una situazione che si spiegherebbe con la crescita improvvisa, soprattutto nella Capitale, dell’indice di trasmissione del nuovo coronavirus: “Nella valutazione settimanale il valore Rt è a 1.14“, spiega infatti l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato. Lo stesso che, tra l’altro, ha ribadito come “se non si piega la curva” dei contagi, “nei prossimi giorni saranno inevitabili ulteriori misure” restrittive.