Dove sono Rosina e Michelangelo? Disperate le ricerche per mamma e figlio

Il 7 settembre scorso Rosina e suo figlio Michelangelo sono spariti dalla loro casa in provincia di Alessandria: dove sono finiti?

Dove sono Rosina e Michelangelo? Disperate le ricerche per mamma e figlio – meteoweek

Una madre e il suo figlio adolescente di 16 anni sono spariti. Tutta la comunità di Quattordio è in angoscia per loro. Rosina e Michelangelo hanno lasciato la loro casa lo scorso 7 settembre, lasciando la luce accesa e i panni ad asciugare. Da allora non si hanno più notizie di loro e l’intera comunità si è mobilitata per capire quanto accaduto. Rosina e Michelangelo vivevano insieme in un piccolo appartamento del comune alle porte di Alessandria, in Piemonte. Nei giorni che hanno preceduto la sua scomparsa amici e conoscenti descrivono Rosina di umore sereno, aveva ottenuto un lavoro come addetta alle pulizie al Comune e avrebbe dovuto prendere servizio proprio l’indomani della scomparsa, ma non si è presentata al lavoro e con lei Michelangelo, che non si è fatto vedere a scuola.

Leggi anche -> “C’è il Covid, niente chemio”: così è morta Kelly Smith

Leggi anche -> Covid, tutti positivi i carabinieri in servizio nella zona rossa di Mezzojuso

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Parenti e amici sono sconvolti: non sanno darsi spiegazione di quanto accaduto. Ad accorgersi per prima della scomparsa di Rosina e Michelangelo è stata Anna Bigliani, assessore alle politiche sociali di Quattordio, che, secondo Fanpage, ha allertato il sindaco. Poco dopo carabinieri e vigili del fuoco sono intervenuti nel modesto appartamento di Rosina. Sul tavolo bicchieri e acqua, negli armadi le loro cose, sulle corde tese al balcone ci sono i vestiti stesi, tutto in ordine. Un vicino riferisce di una luce lasciata accesa e rimasta così fino all’arrivo dei vigili del fuoco. Rosina e Michelangelo non hanno portato via niente, ma da casa qualcosa manca. Si tratta di un piccolo crocifisso ornamentale inchiodato sulla sommità della porta. La loro scomparsa è avvolta nel mistero soprattutto perché la donna non ha nemmeno ritirato il compenso per l’impiego al centro sportivo dove lavorava prima di avere l’incarico al comune. Secondo i suoi vicini e gli amici non può essersi allontanata senza soldi, sola con suo figlio e senza la bicicletta che usava come mezzo di trasporto. In questi giorni l’appartamento è stato ispezionato nuovamente in cerca di tracce che possano chiarire l’accaduto. Niente però è riuscito a dare indicazioni su quanto accaduto.