Ylenia Carrisi, rivelazioni e indagini fuori Italia: “In un video spunta…”

Dalla Spagna arrivano nuove rivelazioni sulla scomparsa di Ylenia Carrisi, avvenuta nel dicembre del 1993. Ufficialmente la figlia di Albano e Romina Power è stata dichiarata deceduta su richiesta proprio del cantante pugliese, ma c’è chi sostiene tutt’oggi che in realtà Ylenia sia ancora viva. Sono notizie nate in un programma spagnolo che però sono state già bollate come inesatte. Ecco cosa hanno detto.

Il programma Salvame

La primogenita di Albano e Romina Power, Ylenia Carrisi, scomparsa nel nulla il 31 dicembre del 1993 è stata dichiarata ufficialmente deceduta dal Tribunale di Brindisi nel 2014. Nel corso degli anni sono state affrontate numerose teorie circa la sua sparizione, mentre altri ritengono che Ylenia sia ancora viva, pur non portando mai prove a sostegno. Da qualche tempo, la trasmissione spagnola Salvame, in onda sul canale TeleCinco, si sta occupando di questo caso giudiziario che, negli anni ’90, tenne banco in tutto il mondo.

Il programma parte dall’indagine giornalistica iniziata nel lontano 2005 da Lydia Lozano, la quale sostenne al tempo di essere stata contattata da una fonte che avrebbe incontrato Ylenia in quegli anni. Lozano spiegò che, tale fonte, le avesse rivelato che Ylenia era viva e viveva insieme a suo marito a Santo Domingo, senza però mai mostrare delle prove di questo.

Leggi anche —-> Gaia Gozzi stratosferica con il nuovo outfit: gambe scoperte per l’ex di Amici

Le opinioni contrastanti di Romina e Albano

Negli anni, Romina Power e Albano, hanno avuto diverse opinioni sull’accaduto. Romina è convinta che Ylenia sia ancora in vita o quantomeno che non sia morta nel Mississippi quella notte.

Albano, invece, già nel 2005 accettò la ricostruzione dei fatti, rivelando che Ylenia faceva uso di stupefacenti, i quali, quella notte, la portarono alla morte.

Leggi anche —-> Elisa Isoardi sbotta sull’ex Salvini: lo sfogo della conduttrice

Le rivelazioni e lo scontro in studio

Il conduttore della trasmissione spagnola, Jorge Javier Vazquez ha rivelato il nome del misterioso testimone oculare della Lozano. In studio è arrivato Toni Torrubiano, fotografo che collaborò allora con Lozano nell’indagine su Ylenia Carrisi. Lui ha consegnato alla produzione tutta la documentazione nata dalla stessa indagine, compreso il nome della fonte. Ma a questo punto è accaduto un colpo di scena: Lozano ha lasciato lo studio in lacrime, sostenendo che: “Non è lui. Ho parlato con mille persone”.

Si tratta di Ricardo Zucchi e, al tempo, venne ascoltato da Lozano e dalla sua troupe. Ha raccontato il conduttore Vazquez: “L’italiano Ricardo Zucchi assicura di aver visto Ylenia Carrisi in più di 20 occasioni a Santo Domingo. Secondo quanto dice, la prima volta che ebbe l’occasione di vedere senza alcun tipo di dubbio Ylenia fu nel 1995. Ylenia è sull’isola con Alexander Suero Alvares, dominicano e suo marito. Si tratta di un soggetto di 45 anni, nero, attraente e senza alcun lavoro conosciuto”. Ricardo, però, nella stessa trasmissione è stato riconosciuto come fonte poco attendibile, che già da tempo si aggirava intorno alla famiglia Carrisi e che più volte si è contraddetto. A questo punto, inevitabilmente, il conduttore Vazquez ha chiesto a tutti gli ospiti: “Che Lozano abbia montato tutto per pubblicità?”