Covid, ricoverato lo scrittore Marco Santagata: è in coma irreversibile

Marco Santagata è ricoverato in gravi condizioni. Lo scrittore e docente ha contratto il Covid-19. I medici hanno dichiarato che si trova in coma irreversibile.

marco santagata covid
Marco Santagata, scrittore e docente di Zocco ricoverato in fin di vita a Pisa – meteoweek.com

Marco Santagata è uno dei tanti italiani che sta lottando tra la vita e la morte dopo avere contratto il Covid-19. Lo scrittore e direttore del Dipartimento di Studi italianistica dell’Università di Pisa è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale del comune toscano. Le sue condizioni di salute erano già precarie e, adesso, si trova in coma irreversibile. Lo ha comunicato la famiglia a seguito della falsa notizia della sua scomparsa.

A nome di tutta la mia famiglia, vi ringraziamo per i tantissimi messaggi di stima e di affetto che stiamo ricevendo. Marco Santagata versa purtroppo attualmente in gravi e irreversibili condizioni all’ospedale di Pisa. Ancora grazie per la vostra vicinanza“, hanno scritto i familiari del critico letterario originario di Zocco.

Chi è Marco Santagata?

Marco Santagata ha 73 anni ed è originario di Zocco, in provincia di Modena. Studioso di fama internazionale di Dante Alighieri, Giovanni Boccaccio e Francesco Petrarca nonché professore ordinario di Letteratura ordinaria presso l’Università di Pisa, dove ricopre anche il ruolo di direttore del Dipartimento di Studi italianistica. Negli anni ha pubblicato diversi libri.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Marco Santagata lotta tra la vita e la morte – meteoweek.com

Tra questi il romanzo ’Il maestro dei santi pallidi’, pubblicato nel 2003, che ha vinto il premio Campiello nello stesso anno. La storia parla sostanzialmente della sua terra, nell’Appennino, a cui è molto legato. Nel 2006 lo scrittore parlò di questa sua opera a 150 studenti delle scuole superiori di Pavullo, Montombraro di Zocca, Montese e Porretta Terme, all’interno dell’oratorio di Monteforte dove sono conservati alcuni affreschi il cui autore è ignoto ai quali si era ispirato per il libro.

Leggi anche:

È stato un sessantottino, ma tradizionalista. Non è mai mancato a Zocca per la ricorrenza dei Santi, a volte è venuto a Capodanno e il mese di agosto lo ha sempre trascorso nella casa sua e dei suoi fratelli Giovanna e Giulio“, racconta suo cugino Pierpaolo Santagata di Zocca.