Cotticelli drogato per l’intervista? “Sto indagando con un medico” [VIDEO]

Il commissario Cotticelli torna a parlare su La7 dopo il caos scoppiato in Calabria a seguito dell’intervista di Titolo Quinto.

Cotticelli drogato per l'intervista? "Sto indagando con un medico" [VIDEO] - www.meteoweek.com
Saverio Cotticelli, ex commissario alla Sanità della Calabria, durante la trasmissione Non è l’arena, su La7. Credit: La7 Video
“Non mi riconosco”. Così si è giustificato Saverio Cotticelli, commissario ad acta alla Sanità della Calabria, a proposito delle dichiarazioni rilasciate venerdì 7 novembre durante un’intervista con Titolo Quinto. Il generale dei Carabinieri in pensione, nominato commissario quasi due anni fa dal primo governo Conte, sembrava non essere minimamente a conoscenza del fatto che realizzare il piano anti-Covid era una sua responsabilità.

I timori di Cotticelli

Per questo il giorno successivo, sabato 8 novembre, Cotticelli si è dimesso dal suo ruolo. Ma prima ancora è stato cacciato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Lo aveva anticipato lo stesso ex Carabiniere durante l’intervista fatale, consapevole di ciò che aveva appena innescato con le sue dichiarazioni. “Domani mattina verrò cacciato da questo posto”, aveva detto al giornalista che lo aveva incalzato. E così è stato.

La difesa di Cotticelli

Domenica sera, durante la trasmissione Non è l’arena, su La7, Cotticelli ha ribadito più e più volte che non stava bene. Ospite della trasmissione condotta da Massimo Giletti, l’ex Carabiniere ha avanzato la possibilità di essere stato drogato durante l’intervista.  “Sembrava la mia controfigura, dottore. Io non so in quel momento che cosa mi sia successo. La mia famiglia non mi ha riconosciuto. Io stesso non connettevo, dottore. Il piano anti-Covid l’ho fatto io“, ha dichiarato durante la trasmissione.

“Sto cercando di capire con un medico”

Stando alla versione di Cotticelli, l’ex commissario avrebbe avuto un malore dopo aver ricevuto una concentrazione di attacchi mediatici e istituzionali. Il problema, tuttavia, è che nel video si vede chiaramente che il Carabiniere in pensione sembra apprendere in quel momento del piano anti-Covid. Alle parole di Giletti, Cotticelli risponde: “Io non mi riconosco in quell’intervista. Non so che cosa sia successo. Sto cercando di capire con un medico se ho avuto un malore o ho avuto qualche altra cosa. Perché quell’intervista arriva ed è preceduta da una serie di attacchi che mi arrivano per via mediatica e per via istituzionale”.

Cotticelli drogato per l'intervista? "Sto indagando con un medico" [VIDEO] - www.meteoweek.com
Saverio Cotticelli, ex commissario alla Sanità della Calabria, durante la trasmissione Non è l’arena, su La7. Credit: La7 Video

“Dopo ho vomitato”

E ancora ha ribadito subito dopo: “Io ero in uno stato confusionale su cui sto indagando“. Sulle condizioni di salute dell’ex commissario ha insistito il conduttore della trasmissione. “È vero che lei ha vomitato dopo l’intervista?”, ha chiesto Giletti. E Cotticelli ha risposto: “Sì, ho vomitato e ho passato una notte terribile”. Anche se, più verosimilmente, queste sono state reazioni di preoccupazione per le conseguenze che avrebbe subìto a causa delle sue parole.

“Non ero lucido”

A quel punto è intervenuta la giornalista Myrta Merlino, anche lei ospite a Non è l’arena. “L’hanno drogato?“, ha chiesto. “Non lo so. Dico solo – ha ribadito ancora Cotticelli – che non sono stato bene. Non sono stato bene e non ero lucido. Sto indagando dal punto di vista medico”. Sulla possibilità che sia stato proprio uno dei suoi collaboratori a mettergli qualcosa nel bicchiere, Cotticelli ha detto: “Non ho dei sospetti su nessuno. Dico solo che non ero lucido e non stavo bene in quel momento”.

LEGGI ANCHE:

Il sostituto di Cotticelli

Al suo posto, nel frattempo, il governo ha nominato Giuseppe Zuccatelli, già a capo dell’Asp di Cosenza. Il nuovo commissario per la Sanità calabrese, tuttavia, è già finito da ieri al centro di polemiche per alcune sue frasi pronunciate lo scorso 27 maggio, in piena pandemia, sull’inutilità della mascherina e sul fatto che “per infettarsi bisogna baciarsi con la lingua per 15 minuti”.