X Factor, che fine hanno fatto gli Aram Quartet?

Gli Aram Quartet, vincitori della prima edizione di X Factor Italia, hanno fatto da apripista per il successo del programma, ma che fine hanno fatto?

La notorietà per gli Aram Quartet è arrivata nel 2008, grazie alla vittoria della prima edizione di X Factor Italia. Il gruppo, formato da 4 componenti tutti di origini pugliesi, aveva classificato la propria musica come pop-rock.

Il percorso degli Aram Quartet a X Factor

La band si è presentata ai provini del famoso talent show nel 2008 venendo subito selezionata per partecipare. Gli Aram Quartet finiscono nella squadra di Morgan – giudice di X Factor con più vittorie all’attivo – e del vocal coach Gaudi. La loro musica convince da subito il pubblico che non li manda mai al ballottaggio durante tutta la prima edizione. Arrivati in finale gli Aram Quartet presentano il loro singolo Chi (Who). Grazie al loro talento riescono a vincere arrivando primi, sopra un nome poi diventato noto in tutta Italia, Giusy Ferreri. La band con la vittoria si ggiudica un contratto con la major Sony BMG del valore commerciale di 300.000 euro.

LEGGI ANCHE—>X Factor Hell Raton: ecco com’era prima, capelli rasati e look diverso

LEGGI ANCHE—>X Factor, che fine ha fatto Chiara Galiazzo? Eccola oggi FOTO

Dalla pubblicazione del primo EP ad oggi

Appena conclusa l’esperienza di X Factor il gruppo pubblica il primo EP ufficiale ChiARAMente, contenente alcune delle cover e dei brani presentati durante lo show. Questo primo progetto vuole essere una prima presentazione della band al grande pubblico. Infatti il 17 aprile 2009 arriva il primo disco ufficiale dal titolo Il pericolo di essre liberi. All’interno dell’album sono presenti esclusivamente inediti prodotti dagli Aram Quartet. Inoltre l’uscita viene anticipata dal singolo Il pericolo è il mio mestiere. Purtroppo però oggi gli Aram Quartet sono solamente un lontano ricordo. Infatti dopo la conclusione della prima edione di X Factor la band ha contiuato per soli 2 anni, per poi sciogliersi nel 2010.