Valerio Scanu dramma covid: “Mio padre è in terapia semi intensiva, ho difficoltà ad avere sue notizie”

Valerio Scanu desidera fortemente un regalo di Natale, quello di stare in famiglia, ma i problemi di salute del padre lo preoccupano molto.

Valerio Scanu
Valerio Scanu- Foto Ig- Meteoweek

Valerio Scanu si racconta in un’intervista a Oggi, dichiarando di avere intenzione di “passare le feste con la mia famiglia, come sempre e mai come quest’anno”. Il desiderio del cantante sardo, però, sembra impossibile da realizzare.

Il talento scoperto ad Amici, vincitore di un Sanremo, sta attraversando un periodo particolarmente difficile. Da un lato è molto felice per il lancio del suo nuovo progetto musicale Canto di Natale, dall’altra Scanu è molto preoccupato per la malattia che ha colpito suo padre.

Valerio Scanu
Valerio Scanu- Foto Tv- Meteoweek

Leggi anche -> Amici, chi è la cantante lirica Letizia che ha conquistato Maria De Filippi VIDEO

Valerio Scanu preoccupato per suo padre in terapia semi-intensiva

Per Valerio papà Tonino è stato fondamentale sia nella vita quotidiana che nella carriera musicale. Al momento è stato colpito dal Covid-19 e le sue condizioni non sono ottimali. Scanu precisa che: “Al pari di tutti i parenti di questi malati ho difficoltà ad avere notizie. So che, al momento, papà è in terapia semi intensiva, con il casco che lo aiuta a respirare. Poi, però, papà è stato trasferito in un’altra struttura e da quel momento so poco o niente. Ma sono fiducioso, penso che tutto possa evolvere in bene”.

In questo periodo più che mai Valerio sente molto la mancanza della sua famiglia e spera di riabbracciare tutti al più presto: “Sono stato con loro soltanto quattro giorni ad agosto. Non sappiamo ancora se per Natale potremo spostarci: certo sarebbe bello se io andassi giù o la mia famiglia venisse qui a Zagarolo.”, queste le sue parole.

Leggi anche -> Diana Del Bufalo look audace ad Amici: camicia trasparente vedo e non vedo

Il sostegno dei genitori per la carriera di Scanu

“Papà e mamma si sono conosciuti perché entrambi suonavano nella banda della Maddalena. Mi hanno trasmesso l’amore per la musica, a otto anni ero in piazza. Papà faceva le prove per una festa e un amico improvvisò il brano di Titanic. Lo cantò talmente male che dissi: beh, io non potrò fare di peggio. E così è cominciato tutto…”, ha aggiunto.