Finge di avere un tumore per avere il matrimonio dei sogni

Finge di avere un tumore terminale per potersi pagare il matrimonio dei sogni. Toni Standen, 29 anni, ha messo in scena una farsa giocando sulla sua salute, solo per pagare il matrimonio.

Ha mentito a tutti dicendo di avere un tumore incurabile, così la donna ha fatto credere a tutti di essere in punto di morte. In questo modo, ha avviato una raccolta fondi lucrando sulla pena che suscitava nelle persone e pagarsi il matrimonio e realizzare così il suo più grande desiderio. La cosa più assurda è che nessuno era al corrente che si trattasse di una truffa, nemmeno il marito.

LEGGI ANCHE: Truffe agli anziani, due casi al giorno nella città di Milano

La 29enne ha inventato tutto nei minimi dettagli, raccontando a tutti che la malattia le stava devastando il corpo arrivando al cervello e alle ossa. Ha proseguito la farsa fingendo di essere gravemente malata rasandosi anche i capelli a zero. Ha addirittura inscenato di essere in punto di morte. A questo punto ha chiesto che fosse realizzato il suo più grande desiderio: quello di poter sposare il suo compagno 52enne James. Immediatamente è partita una gara di solidarietà di decine di persone che hanno deciso di fare delle donazioni per aiutare la giovane donna. Nel luglio 2017 la Standen era stata intervistata da un giornale locale al quale aveva raccontato di avere un cancro. Poi l’anno scorso aveva rilasciato una seconda intervista in cui spiegava che la malattia si era aggravata ed era allo stato terminale. Fino a esprimere il suo desiderio.

finge un tumore: farsa per una truffa

LEGGI ANCHE: Rubano un abete di 4 metri e fuggono in moto: i carabinieri li sorprendono e li inseguono

A scoprire che si trattava di una truffa è stata una sua amica, con cui ha parlato fino a quando non ha ammesso tutto. Tutti infatti erano completamente allo oscuro di tutto ciò, sia la famiglia che gli amici di Toni. Non conoscevano il suo piano e le sue cattive intenzioni, persino il marito era convinto che la moglie fosse gravemente malata. Dopo la scoperta della truffa la donna è stata denunciata e condannata a 5 anni di reclusione.