Reporter senza Frontiere: sono 50 i giornalisti uccisi nel mondo nel 2020

La maggioranza (34) non in zone di guerra. I paesi più “letali” per i cronisti sono Messico, India, Pakistan, Filippine e Honduras

50 giornalisti uccisi 2020 reporter senza frontiere
La mappa dei paesi più “letali” per i cronisti

Sono cinquanta i giornalisti uccisi nel 2020 a livello mondiale. Lo ha reso noto oggi Reporter senza Frontiere sottolineando che la maggioranza di loro – quasi sette su dieci – sono morti lontani da zone di guerra. Si tratta di un bilancio “stabile” rispetto ai 53 giornalisti uccisi l’anno scorso, ha sottolineato l’organizzazione.

I paesi più “letali”

Secondo RsF i giornalisti che quest’anno hanno perso la vita in Paesi non in guerra sono stati 34, pari al 68% del totale. La percentuale di giornalisti uccisi nelle zone di guerra, intanto, continua a diminuire: dal 58% nel 2016 al 32% quest’anno. Si tratta di Paesi come la Siria e lo Yemen oppure di “aree afflitte da conflitti di bassa e media intensità”, come l’Afghanistan e l’Iraq. Il Messico è il Paese che ha registrato il maggior numero di morti (8), seguito da India (4), Pakistan (4), Filippine (3) e Honduras (3). Ben l’84% dei giornalisti uccisi nel 2020 è stato consapevolmente preso di mira e deliberatamente eliminato, ha osservato l’organizzazione, contro il 63% nel 2019.

50 giornalisti uccisi 2020 reporter senza frontiere

Uccisioni “barbare”

Alcuni giornalisti sono stati assassinati in modo “particolarmente barbaro”, prosegue Reporter senza Frontiere, come il messicano Julio Valdivia Rodriguez del quotidiano El Mundode Veracruz, trovato decapitato nell’Est dello Stato, e il suo collega Victor Fernando Alvarez Chavez, direttore di un sito di notizie locale, fatto a pezzi ad Acapulco.

LEGGI ANCHE: La classifica Forbes dei 50 miliardari grazie al Covid: c’è anche un italiano

Quasi 20 giornalisti investigativi sono stati uccisi quest’anno: dieci indagavano su casi di corruzione locale e appropriazione indebita di fondi pubblici, quattro si occupavano di mafia e criminalità organizzata e tre scrivevano di temi legati alle questioni ambientali. L’organizzazione cita anche la morte di sette giornalisti che seguivano manifestazioni in Iraq, Nigeria e Colombia.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL REPORT COMPLETO SUI GIORNALISTI UCCISI