Teramo, muore avvocato di 45 anni. L’ultimo post: «Spero di non morire»

Morta l’avvocato teramano Loredana Briganti, di 45 anni. L’ultimo messaggio su Facebook: «Spero di non morire». Era figlia di un colonnello dei carabinieri

Loredana Briganti avvocato morto 45 anni
L’avvocato Loredana Briganti

Tragico lutto per la comunità forense di Teramo. E’ morta ieri, a soli 45 anni, l’avvocato Loredana Briganti per una leucemia fulminante. La donna aveva scoperto la malattia solo pochi giorni fa ed era stata ricoverata d’urgenza all’ospedale Salesi di Ancona. Stimata professionista, Briganti si era occupata sia come avvocato civilista sia come penalista di importanti cause sociali. La notizia è stata riportata dalla stampa locale e dal Messaggero.

Tanti messaggi di cordoglio

Nata a Sorgono, in Sardegna, si era trasferita in Abruzzo con la famiglia prima a Martinsicuro, nel Teramano, per poi spostarsi di recente a Roseto. Si era laureata all’università di Camerino ed era specializzata in diritto Fallimentare e Crisi d’impresa. Era figlia dell’ex colonnello dei carabinieri Gino Briganti. Ieri, infatti, l’Arma si era unita al dolore della famiglia con un comunicato: «Il gruppo Reggimento Carabinieri a cavallo si stringe al dolore della famiglia esprimendo i sentimenti di profondo cordoglio. Che la terra possa essere lieve a Loredana e che possa riposare in pace». Il colonnello Briganti aveva prestato servizio nelle Marche ed è stato anche presidente dell’Associazione nazionale carabinieri della provincia di Ancona e della sezione di Osimo, dove abita da quando è in pensione.

LEGGI ANCHE: Morto Franco Loi, uno dei più grandi poeti del Dopoguerra

L’ultimo post: «Spero di non morire»

Cordoglio anche da parte di Antonio Lessiani, presidente dell’ordine degli avvocati di Teramo. «La nostra comunità forense è scossa da questa notizia. Esprimiamo il nostro cordoglio. Loredana era una professionista brava ed appassionata ed è ancora più ingiusta questa perdita». Tantissimi sono i messaggi di vicinanza alla famiglia anche sui social.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, muore a 35 anni la “maestra degli abbracci”

Il 22 dicembre Briganti era in Tribunale per l’ultima udienza dell’anno. Poi, il 31 dicembre, su Facebook aveva scritto: «Il mio 2020 si chiude malissimo, davvero malissimo. Il 2021 si apre in un modo pessimo. Mi viene da dire solo una cosa: vaff….lo, spero di non morire». I funerali si terranno in Sardegna, terra di origine della famiglia.