Venduta la casa di Stefano Cucchi a Morena. La sorella: “Un duro colpo”.

La casa della famiglia Cucchi a Morena è stata venduta. L’abitazione si trovava nel quartiere nell’estrema periferia a sud-est di Roma. I genitori di Stefano l’avevano comprata al figlio per aiutarlo a conquistarsi un’autonomia.

Ilaria Cucchi

La sorella, Ilaria Cucchi, esprime il suo dispiacere in merito: “Vendere quella casa è stato un duro colpo, ma non riuscivamo più a far fronte alle spese. Questi 11 anni (dalla morte di Stefano) li abbiamo pagati cari. Io e mio padre abbiamo perso il lavoro, lui si è ammalato, come mia madre. I miei genitori hanno continuato a pagare il mutuo, finché hanno potuto. Vendere quella casa, è stato come lasciare andare Stefano. Il dolore non si ferma.” Si tratta della stessa casa in cui i genitori trovarono la droga. “Mio padre è una persona talmente onesta, che denunciò suo figlio, dopo aver trovato la droga nella casa di Morena.” Ilaria Cucchi si lascia andare ai ricordi, sul suo profilo Facebook, raccontando: “I miei genitori avevano comprato quella casa per Stefano. Era nel programma consigliato dagli operatori del Ceis (il centro di Don Picchi contro le dipendenze frequentato da Cucchi). A loro lui aveva scritto la notte del 21 ottobre 2009. Poche ore prima di morire. Aveva raccolto tutte le sue ultime energie per chiedere loro aiuto.”  La sorella posta sui social la foto della missiva indirizzata a un tale Francesco, “i cui caratteri esprimono drammaticamente il suo dolore, ma anche la sua disperata voglia di vivere, nonostante le gravissime lesioni che riportava, dopo il suo arresto».

Leggi anche: Morti ultimi due ergastolani nazisti condannati in Italia: non hanno mai scontato la pena

Oggi, quell’abitazione appartiene ad una giovane coppia. Sempre Ilaria lo annuncia su Facebook: “Ci hanno detto che erano fieri di aver comprato la casa di Stefano Cucchi. Erano emozionati. Stefano non era certo un eroe. Era un essere umano. Era mio fratello. Ora il suo nome significa qualcosa di importante“.