Covid: la Liguria apre alle vaccinazioni in farmacia, “è la prima Regione”

Sono partite oggi le le vaccinazioni nelle farmacie della Liguria, il Presidente della Regione Giovanni Toti ne ha parlato su Facebook.

farmacista
farmacista – Meteoweek.com

Come annunciato la Liguria ha aperto alle vaccinazioni nelle sue farmacie. Si tratta della prima Regione italiana a fornire questo prezioso servizio, fondamentale in un momento di emergenza come questo. A parlarne è il governatore della Regione Giovanni Toti sulla sua pagina Facebook. Il governatore ha sottolineato che si tratta di 52 farmacie operative, al momento, ma che presto arriveranno a 150.

Il programma è quello di iniziare con 2 mila somministrazioni alla settimana che poi potranno aumentare quando arriverà un quantitativo maggiore di vaccini. “Siamo la prima regione in cui si aprono punti vaccinali nelle farmacie” afferma con orgoglio il governatore Toti che ha sottolineato il merito dei farmacisti che hanno offerto la loro collaborazione ancor prima che venisse siglato l’accordo a livello nazionale. Nel frattempo, ieri, il governo,  le Regioni, le Province Autonome e le associazioni di Categoria Federfarma e Assofarm hanno firmato un accordo per assicurare la copertura vaccinale di questo tipo in tutto il nostro Paese.

farmacia
farmacia

Leggi anche: Superati i 3 milioni di vaccinati. La cura Figliuolo funziona?

Vaccinazioni in farmacia: come fare

Per quanto riguarda le prenotazioni e le inoculazioni le farmacie seguiranno i dettami delle autorità sanitarie con le rispettive priorità, escludendo però i soggetti estremamente vulnerabili e gli allergici gravi. L’adesione dei farmacisti avviene comunque su base volontaria e si svolgerà nelle rispettive farmacie se dotate di locali adeguati. Inoltre i farmacisti dovranno essere abilitati a secondo di programmi specifici organizzati dall’Istituto Superiore di Sanità. Naturalmente, prima di procedere alla somministrazione, sarà necessario acquisire il consenso informato del ricevente e l’anamnesi. Per ogni somministrazione la farmacia riceverà 6 Euro. Per quanto riguarda le questioni un po’ più tecniche per procedere alle vaccinazioni in farmacia le persone dovranno seguire percorsi all’interno o all’esterno, ma che non vadano a invadere i luoghi dedicati ai clienti ordinari.

Leggi anche: Incontro Letta – Meloni: “Dialogo positivo, abbiamo parlato di ristori”

Eventualmente potrebbero essere allestiti gazebo dedicati nei pressi. Le farmacie dovranno anche porre bene in vista un avviso con tutte le specifiche riguardanti le modalità di accesso, ecc… Ovviamente, tutte le norme riguardanti il Covid-19 come distanziamento, presenza di gel igienizzanti, ecc… dovranno essere rispettate. Le dosi a disposizione dovranno essere conservate nei frigoriferi freezer che prevedono il monitoraggio costante della temperatura. Come per gli hub vaccinali e gli altri luoghi destinati a queste operazioni le persone che riceveranno il siero dovranno rimanere sotto osservazione per 15 minuti. Le persone impegnate nelle vaccinazioni dovranno indossare mascherine Ffp2. Qualora una persona dovesse avere una reazione avversa al vaccino sarà subito allertato il 118. Stando a una recente dichiarazione del Ministro degli Esteri Di Maio ad aprile arriveremo a 500 mila somministrazioni al giorno.