Piangono le città d’arte, enormi le perdite per Pasqua: Roma e Milano le più colpite

Il disastro economico della pandemia è un argomento particolarmente sofferto. I numeri delle perdite di questa nuova Pasqua sotto la morsa del Covid-19, sono impressionanti. Roma e Milano sono le due città più colpite ma anche la Sicilia e la Costiera Amalfitana saranno località enormemente danneggiate dai divieti anti-Covid.

Pasqua anti-Covid, enormi le perdite – Meteoweek

La Capitale sarà ‘orfana’ di ben 950mila presenze di visitatori che la affollavano nelle precedenti feste di Pasqua, questo porterà ad un danno economico di circa 200 milioni di euro. Il capoluogo lombardo, Milano, i cui flussi turistici hanno registrato un boom negli ultimi anni, con circa 200 mila presenze in meno in questi giorni di festa e una perdita di circa 50 milioni di euro. Anche la Sicilia e la Costiera Amalfitana subiranno gravi perdite, saranno loro le più danneggiate dai divieti anti-Covid di queste giornate del primo break primaverile.

Pasqua anti-Covid, enormi le perdite – Meteoweek

L’indagine sulle perdite

Secondo il Codacons, che ha realizzato un’indagine sulle perdite stimate – pubblicate in anteprima da ANSA – seguono Firenze, con -200mila tra presenze e visitatori e minori entrate per circa 30 milioni di euro, Venezia (-100mila turisti, -23 milioni di euro di incassi) e Napoli (-80mila turisti, -15 milioni di euro). Non solo le città d’arte saranno danneggiate dai limiti imposti dal Covid: sul fronte turistico a subire gravi perdite saranno anche la Sicilia, la Costiera Amalfitana e la Penisola sorrentina, negli ultimi anni zone gettonatissime durante la Pasqua. In particolare la Sicilia perderà complessivamente circa 400 mila visitatori con un danno da oltre 75 milioni di euro, Penisola Sorrentina e Costiera Amalfitana 30mila, con perdite per 7,5 milioni di euro. I connazionali che si spostavano nel periodo pasquale trascorrevano in media 2,5 notti fuori casa, dando vita ad un giro d’affari tra pernottamenti, trasporti, pasti, ingressi ai musei, ecc. di circa 3,5 miliardi di euro nel 2019.

Pasqua anti-Covid, enormi le perdite – Meteoweek

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’Rt nazionale scende ancora: ora è a 0,98

E dopo Pasqua?

Un argomento che preoccupa molto in queste ultime settimane, è quello legato alle aperture post zona rossa pasquale. È stato infatti annunciato che fino al 30 aprile non ci saranno zone gialle in Italia, ma solo arancioni e rosse. Le attività obbligate a rimanere chiuse, sono ormai allo stremo da diverso tempo: bar e ristoranti in particolar modo. C’è chi chiede di valutare la situazione in base alla condizione dei contagi, mentre la speranza è riposta tutta nella campagna di vaccinazione che si muove ancora a rilento e con diversi disagi, soprattutto in Lombardia.