Stati Uniti: sparatoria in South Carolina, uccisi i nonni e due nipotini

Ancora sangue innocente negli Stati Uniti, l’ennesima sparatoria dopo quella avvenuta il 6 aprile in Maryland,  la strage nel supermercato in Colorado e la sparatoria nella città di Orange, a sud di Los Angeles. Questi sono solo alcuni dei fatti accaduti nelle ultime settimane.

Robert e Babara Lesslie – Meteoweek

Questa volta, il dramma ha avuto luogo in South Carolina, dove in un’abitazione sono state uccise cinque persone, tra le quali due bambini. Le vittime sono Robert e Babara Lesslie, di 70 a 69 anni, insieme ad i loro nipotini ed un uomo di 39 anni che lavorava nella loro casa. La polizia ha reso noto su Twitter che si sta cercando un sospetto “un giovane afroamericano che indossa una felpa con il cappuccio e pantaloni stile militare”.

Un sesta persona è rimasta ferita nella sparatoria e le sue condizioni sono descritte come gravi. Le autorità, che hanno ricercato la zona con elicotteri e droni, hanno reso noto di aver catturato un sospetto, ma non sono stati dati ancora ulteriori dettagli. Precisando che non si ritiene che vi sia più pericolo per la comunità, le autorità hanno reso noto che daranno al più presto maggiori informazioni.

Sparatoria in South Carolina – Meteoweek

La sparatoria è avvenuta in un’abitazione privata. L’ufficio dello sceriffo della contea di York ha spiegato che la famiglia coinvolta è “molto importante e molto conosciuta” nella zona. “Il dottor Robert Lesslie e sua moglie Barbara – ha reso noto la polizia – sono stati trovati entrambi in casa e sono deceduti a causa di ferite da arma da fuoco, così come i loro due nipoti. È morto per le ferite da arma da fuoco anche James Lewis, un uomo che stava lavorando nell’abitazione”. I due bambini avevano 5 e 9 anni. Le autorità hanno fatto sapere di aver individuato un sospetto, e si tratterebbe di un vicino di casa della famiglia. Ora si indaga per capire il movente.

LEGGI ANCHE: Brasile, record di morti per Covid. Bolsonaro: “No a lockdown, fa ingrassare”

L’attacco è l’ultimo di una serie di sparatorie che negli Stati Uniti hanno riacceso il dibattito sul controllo delle armi ed oggi è atteso l’annuncio da parte di Joe Biden di sei azioni esecutive per il controllo della vendita delle armi.